Coronavirus, trend ancora in aumento in Italia e in Campania

Coronavirus, trend ancora in aumento in Italia e in Campania
Coronavirus, trend ancora in aumento in Italia e in Campania

In ulteriore risalita i nuovi contagiati da Covid: sono 276 nelle ultime 24 ore (erano stati 229 ieri). Quasi la metà (135) in Lombardia, il 48,9%. Sono 53 in Emilia Romagna e 23 nel Lazio. Il totale dei contagiati in Italia è 242.639. Quattro le regioni senza nuovi casi: Sicilia, Valle d’Aosta, Molise e Basilicata. I morti sono stati 12, così come ieri. Complessivamente le vittime sono così diventate 34.938. Sono i dati forniti dal ministero della Salute.

Scendono a 65 i pazienti affetti da Covid in terapia intensiva, 4 in meno di ieri. Sono 27 in Lombardia. In 13 regioni non ci sono malati in rianimazione. I ricoverati con sintomi sono 844 (-27), 12.519 le persone in isolamento domiciliare (dato invariato). Gli attualmente positivi sono 13.428, in calo di 31 unità. I guariti sono invece 194.273, 295 in più di ieri. I tamponi nelle ultime 24 ore sono stati 47.953, circa 5 mila meno di ieri. I casi testati sono 3.520.377.

Coronavirus: in Campania 7 casi positivi su 1508 tamponi

Sono sette i positivi al Coronavirus in Campania nelle ultime ventiquattro ore su 1508 tamponi effettuati. Il totale dei positivi in regione sale così a 4.762. Quello dei tamponi a 299.725. Non ci sono nuovi deceduti: il totale resta così fermo a 432. Due le persone guarite oggi per un totale di 4.093.

Scuola: Campania; De Luca, verso riapertura 14/15 settembre

Le scuole in Campania potrebbero riaprire intorno al 14/15 settembre. Ne ha parlato il governatore Vincenzo De Luca nel corso dell’appuntamento settimanale sui social.
“Rispetto al nostro iniziale orientamento di riaprire il 24 settembre – ha spiegato – è intervenuta una novità, la nomina a commissario per l’emergenza scolastica Arcuri che proporrà una campagna di screening sul piano nazionale per l’inizio di settembre. Dovremo collocarci dentro quel periodo e decideremo di fare l’apertura dell’anno scolastico come le altre regioni tra il 14 e 15 settembre. Ne daremo comunque preventiva comunicazione. Quello che serve – ha precisato – è aprire mettendo in sicurezza le scuole e prepararci a produrre milioni mascherine da dare ai ragazzi. Quello che non vogliamo sono le scuole pollaio”

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.