Covid-19 in Campania, continua il trend positivo: rianimazione vuota da due settimane

Sei casi, ieri in Campania, su un totale di 5879 tamponi. E’ quanto rende noto l’Unità di crisi della Regione Campania: 4.773 il totale dei positivi su 185.724 tamponi.
Nel dettaglio: all’Ospedale Cotugno di Napoli esaminati 888 tamponi di cui 1 positivo; al Ruggi di Salerno 384 tamponi, 1 positivo; all’Ospedale Sant’Anna di Caserta 55 tamponi, nessuno positivo; all’Asl di Caserta presidi di Aversa-Marcianise 368 tamponi, 1 positivo; per il Moscati di Avellino 163 tamponi, 1 positivo; al San Paolo di Napoli 251, 1 positivo; invece al Laboratorio dell’Azienda ospedaliera Federico II 283 tamponi, 1 positivo; all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno 498 tamponi, nessun positivo; Ospedale di Nola 749 tamponi, nessuno positivo; Ospedale San Pio di Benevento 118 tamponi, nessun positivo; all’Ospedale di Eboli 189 tamponi, nessun positivo; per il CEINGE/IZSM 502 tamponi, nessun positivo; al Laboratorio Biogem 426 tamponi, nessun positivo; al Cardarelli/IZSM 1005 tamponi, nessuno positivo.

Trend positivo in Campania
Trend positivo in Campania

Coronavirus, in Campania nessuno in rianimazione

Insomma sembrerebbe che la pandemia da Covid-19 in Campania stia pian piano rallentando in numero di contagi ed effetti. Gran parte dei nuovi casi pare siano asintomatici. Il virus, almeno si spera, nelle ultime settimane ha perso la sua forza visto che La situazione negli ospedali è in costante miglioramento. Molti guariscono senza mai arrivare in rianimazione, così come i decessi sono sempre più pochi, sia in Campania che nel resto d’Italia, rispetto ad inizio pandemia. Come si legge su il sito de il Mattino, in totale in Campania sono 286 i malati di Covid ricoverati con sintomi su un totale di 1184 positivi. In pochi utilizzano anche la maschera a ossigeno (5 o 6 al Cotugno di cui 2 oncologici). Solo 5 i malati in rianimazione (1 al Cotugno, trasferito dal Ruggi), 2 al Loreto, 1 a Ischia e 1 a Maddaloni) tutti ad esito della prima ondata epidemica. Nessuno al Covid center dell’ospedale del mare dove ci sono solo 2 ricoverati.

Fase due – stop assembramenti

«I casi nuovi ci sono ma in numero ridotto – spiega a Il Mattino Rodolfo Punzi, direttore del dipartimento di emergenze infettivologiche del Cotugno – tra ieri e oggi abbiamo ricoverato 3 nuovi pazienti, in tutto l’ospedale ci sono una sessantina di malati, 3 in rianimazione, uno trasferito dal Ruggi di Salerno da oltre un mese in intensiva e altri due negativizzati».

Si tratta di dati provvisori che fanno ben sperare, anche se la Fase due, la movida e gli assembramenti tengono sempre col fiato sospeso. Proprio lo scorso week end, con lo sblocco definitivo del lockdown, decine e decine le segnalazioni di assembramenti in Campania, a Napoli e in tutta la provincia. A Salerno e Caserta. Lunghe file di macchine sul lungomare di Mergellina, comitive riunite nelle piazze ed in tutti i posti di aggregazione. Spesso a stretto contatto e senza l’uso della mascherina. A tal proposito., L’Unità di Crisi della Regione Campania, «riunita per esaminare la situazione epidemiologica dopo quanto si è verificato nell’ultimo weekend con ripetuti assembramenti senza mascherine», ha rinnovato «con fermezza l’invito al rispetto delle ordinanze in vigore e a evitare comportamenti irresponsabili che potrebbero determinare una risalita della curva dei contagi».