Covid alla vigilia di Natale, coprifuoco posticipato per la Santa Messa

Niente vacanze sulle neve, ma messa di mezzanotte a Natale. E’ la mediazione del
governo per le prossime feste. Due obiettivi: salvare, per quello che è possibile, lo shopping
delle feste di fine anno ed evitare la diffusione del contagio da coronavirus tra gennaio e
febbraio, come invece è accaduto in estate, quando il liberi tutti di agosto ha contribuito
all’impennata delle infezioni. E quindi, restrizioni rigide ovunque, anche nelle zone gialle e arancioni, dal 19 a dopo l’Epifania, con un coprifuoco stringente alle 20 o alle 21. Fatta eccezione per la vigilia di Natale, quando potrebbe essere posticipato oltre la mezzanotte per consentire, a chi vuole, di partecipare alla messa.

Ci saranno comunque delle concessioni per le feste di fine anno. Resterà il divieto per
andare in zone rosse o arancione, a meno che non siano fondato motivi di lavoro, salute,
necessità. Per queste feste, segnate dal coronavirus, il governo sta studiando comunque delle deroghe per permettere ai congiunti che vivono fuori regione di raggiungere i familiari a casa per le feste.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook