Bollettino Covid Campania
Vincenzo De Luca

Oggi l’Unità di Crisi ha pubblicato il bollettino ordinario della Campania nel quale sono stati registrati 208 positivi. I tamponi molecolari del giorno sono 8399 mentre gli antigenici sono 5034. Registrati 2 deceduti nelle ultime 48 ore: un deceduto in precedenza ma registrato ieri.

I posti letto di terapia intensiva disponibili sono 656 ma ne sono occupati 17. I posti letto di degenza disponibili sono 3.160 di cui 218 occupati. Ieri si registravano 18 pazienti ricoverati in terapia intensiva e 211 degenza.

COVID E FINALE DELL’EUROPEO

Ci sarà una rimodulazione dei servizi e potenziamento dei controlli, per evitare che si creino situazioni a rischio e assembramenti incontrollati. In occasione della finale degli Europei in programma domenica a Londra tra l’Italia e la vincente di Inghilterra-Danimarca, secondo quanto si apprende, verrà rivisto il dispositivo di sicurezza nelle fan zone. Si tratta delle aree con i maxischermi alle quali si può accedere con determinati requisiti – nelle piazze e nelle zone della movida nelle principali città. Al momento le misure non ancora definite e saranno i Comitati provinciali per l’ordine e la sicurezza a stabilirle nel dettaglio.

Europei: ministro Gb, rischio focolaio contagi c’è

Il governo britannico è “fiducioso” di poter tenere a bada il rischio di un focolaio di contagi Covid alimentato dalla variante Delta nell’ambito delle semifinali degli Europei di calcio (che stasera vedono protagonista l’Inghilterra) e della finale di domenica, ma non può “garantire” il rischio zero. Lo ha detto oggi a radio Lbc il ministro dell’e Attività Produttive, Kwasi Kwarteng, interpellato sui 60.000 spettatori ammessi per queste ultime partite di Euro2020 allo stadio di Wembley e sull’impatto di raduni e festeggiamenti per le strade di Londra.

“Io penso che che siamo in grado di gestire il rischio. Ma non possiamo dire che i rischi non esistano quando si hanno migliaia di persone in un un luogo”, ha detto Kwarteng, difendendo anche la fine generalizzata delle restrizioni nel Regno Unito annunciata per il 19 dal premier Boris Johnson malgrado il rimbalzo di contagi Delta e osservando come la gente e il business non possano avere “allo stesso tempo” le riaperture che chiedono e la pretesa d’una sicurezza assoluta sul Covid.

“C’è sempre un margine di rischio nella vita – ha proseguito il ministro Tory -; sono fiducioso che non vi sarà un grande focolaio, ma ora non possiamo garantirlo”.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.