Campania, giovani in terapia intensiva

Scende l’età media dei nuovi ospedalizzati per covid in Campania. Lo ha comunicato Vincenzo De Luca, questa mattina, al margine di una visita in una struttura Asl di Qualiano.

“Dobbiamo avere il massimo di attenzione in tutta Italia – ha affermato il presidente De Luca – la Campania però è l’unica regione in cui non si può sbagliare perchè abbiamo la densità abitativa più alta d’Italia. Bisogna essere prudenti. Oggi abbiamo duemila positivi, la situazione resta molto delicata. Prima avevamo in terapia intensiva persone di 70-80 anni, ora il virus colpisce la fascia 30-40 anni. Ora abbiamo l’aggressività delle varianti. Devo dire comunque che i due dati che misurano l’epidemia, il numero di decessi e di pazienti nelle terapie intensive, vedono la Campania all’avanguardia. Siamo la regione con meno decessi Covid in relazione agli abitanti e abbiamo in questo momento 160 ricoveri in terapia intensiva, metà di altre regioni che magari non sono neppure rossi. Il sistema funziona”

“Mi auguro – ha concluso De Luca – che ci siano controlli più seri nelle città in Campania. Oggi siamo in zona rossa, ma voi ne avete l’impressione? Vedete pattuglie a controllare chi va in giro senza mascherina? Non dico di militarizzare il Paese ma almeno avere pattuglie su lungomari a multare chi è senza mascherina. Ragazzi non fate i fenomeni con il Covid”.

Campania tra zona rossa e zona arancione

Secondo quanto emerge dai dati, incrociati con i parametri decisi dall’Iss, dalla prossima settimana la Campania potrebbe passare in zona arancione. La decisione ufficiale arriverà soltanto dopo la consueta riunione del venerdì. Se gli esperti del ministero della Salute dovessero ravvisarne le condizioni, dal 6 o dal 7 aprile, la regione potrebbe tornare ad avere restrizioni più leggere. Per ora, la zona gialla è sospesa e resta un miraggio. La speranza è che con le misure di distanziamento e con una accelerazione della campagna vaccinale in Campania, si possa tornare gradualmente alla normalità.

 

 
Pubblicità