Cucchi
Uno dei carabinieri e Stefano Cucchi.

In aula l’allora Comandante della stazione di Tor Sapienza, Massimiliano Colombo Labriola, ha rilasciato alcune dichiarazioni sul caso Stefano Cucchi. Nel processo sono imputati lui ed altri sette carabinieri con l’accusa di depistaggio delle indagini.

Le dichiarazioni spontanee di Labriola sul caso Cucchi

”Mai agito di mia iniziativa, in questa vicenda ho sempre eseguito gli ordini”. E’ iniziata così la dichirazione del lungotenente Labriola in aula. “Non è stata una mia iniziativa far redigere le annotazioni di servizio di polizia giudiziaria agli appuntati Gianluca Colicchio e Francesco Di Sano. Io”, ha aggiunto in aula l’imputato, che nell’ottobre del 2009 era comandante della stazione di Tor Sapienza, dove Cucchi fu trattenuto. “Ho trasmesso le due annotazioni solo ed esclusivamente in forza a un ordine ricevuto da Luciano Soligo, all’epoca comandante della compagnia Roma Montesacro”. 

Sulla rabbia del colonello Soligo

”Mai il colonnello Soligo mi ha detto che non andassero bene al comandante del Gruppo. Mai nulla ho taciuto su questa vicenda. Soligo ha riferito che l’arrabbiatura quando venne a Tor Sapienza era dovuta al non essere stato avvisato il 16 ottobre del 2009 dell’intervento del 118. Era una vicenda che così tanto lo aveva fatto arrabbiare che nel suo appunto del 27 omette questo punto”, ha aggiunto Labriola.

Il battibecco tra Ilaria Cucchi e Matteo Salvini

Matteo Salvini, dopo che i carabinieri imputati di omicidio preterintenzionale ricevettero la condanna di dodici anni, lasciò un commento dichiarando: ”Questo testimonia che la droga fa male, sempre e comunque”. Non si fece attendere la risposta della sorella, Ilaria Cucchi: ”Salvini parla sotto effetto del Moijto, è uno sciacallo”.                                Salvini querelò Cucchi e, alcune settimane fa, sul suo profilo Facebook, Ilaria ha annunciato che per il tribunale di Milano sono parole, s’ dure, ma da annoverare nel diritto di critica quindi non querelabili. 

SE VUOI RESTARE SEMPRE AGGIORNATO VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.