daniela molinari

Alla fine la madre di Daniela Molinari ha ceduto, e ha detto di sì all’esame che potrebbe permettere alla figlia biologica di trovare una nuova cura per la sua malattia oncologica grazie alla mappatura del Dna. Come riportano oggi alcuni quotidiani, Daniela Molinari ha ora una nuova speranza. Per convincere l’anziana genitrice (che ha avuto altri figli e ora è nonna) ha scritto lettere aperte, ha partecipato a trasmissioni tv e ha interessato il Tribunale dei Minori di Milano.

La donna è stata convinta dopo diversi colloqui con gli psicologi del Tribunale che le hanno garantito il rispetto assoluto dell’anonimato. Ora, grazie all’intervento e alla mediazione del presidente del Tribunale dei Minori di Milano, Maria Carla Gatto, che ha assicurato di voler garantire “i diritti costituzionali di entrambe le donne”, come ha precisato al Corriere della Sera, la madre biologica ha acconsentito di sottoporsi ai test genetici per le cure della figlia.

 

Daniela Molinari oggi ha due figli e fa l’infermeria. È cresciuta con l’aiuto e l’educazione di una famiglia adottiva. Fino alla notizia della malattia non aveva mai aveva puntato il dito contro la madre biologica. Ma quando ha scoperto di avere un cancro si è trovata costretta a chiedere il suo aiuto. Daniela è sempre stata molto chiara, non voleva conoscere la madre né chiederle nulla salvo quel piccolo prelievo. Ma la madre si era rifiutata di sottoporsi a qualunque indagine perché era troppo doloroso ricordare quel periodo della sua vita. E le circostanze – a quanto pare drammatiche – che l’avevano portata quando era giovanissima ad affidare la bimba alle suore di un orfanotrofio di Como.

 

 

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.