“Spento il focolaio a Mondragone”, De Luca impone altri 750 tamponi

de luca focolaio mondragone positivi
L'annuncio di De Luca

Spento il focolaio a Mondragone“, De Luca impone altri 750 tamponi. Oggi l’Unità di Crisi regionale ha aggiornato i dati del contagio in Campania rispetto al punto delle ore 17. Nessun positivo dopo l’analisi di 3151 tamponi, così come non si registrano nuove vittime. Nelle ultime 24 ore c’è stato anche un paziente guarito. Il Presidente della Regione Campana Vincenzo de Luca si è felicitato dei risultati.

LA DICHIARAZIONE DI DE LUCA

Il Governatore ha dato un aggiornamento sulla situazione: “Per quanto riguarda il focolaio di Mondragone, nelle cinque palazzine messe in quarantena i casi positivi sono tutti stati trasferiti in strutture sanitarie. La signora che ha partorito la settimana scorsa, trasferita nella struttura ginecologica Covid realizzata al Policlinico Federico II. Cioè in tutte e cinque le palazzine oggi non vi è nessun abitante positivo. Continuerà nei prossimi giorni lo screening per gli abitanti nelle aree contigue. Sino ad ora, sui 400 tamponi processati dei circa mille cui si sono sottoposti volontariamente i cittadini, nessun caso positivo”.

QUARANTENA PER 14 GIORNI

La quarantena durerà fino al completamento dei 14 giorni, nel corso dei quali nessuno dovrà entrare o uscire dalle palazzine in questione. Al termine della quarantena si ripeteranno i tamponi su tutti i 750 residenti per avere e dare il massimo delle garanzie di sicurezza. Create con misure tempestive e rigorose le condizioni per spegnere immediatamente il focolaio, anche grazie all’intervento massiccio delle forze dell’ordine e dell’Esercito da me richiesto già lunedì scorso“, ha assicurato il Presidente della Campania.

Trascorsa senza incidenti la notte a Mondragone. Le forze dell’ordine, integrate dai Baschi verdi della Guardia di Finanza e da agenti del Reparto Mobile della Polizia, hanno stretto il cordone della zona rossa. Nel resto del centro del litorale domizio i residenti, tutti con mascherina, anche in strada. Mostrano qualche sintomo di insofferenza per le tv che danneggerebbero il turismo.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK