«Siamo buoni a niente ma capaci di tutto». L’eloquente frase a corollario di una foto pubblicata su Facebook, è opera di Raffaele Regio. E’ uno dei cinque ragazzi arrestati a Sorrento per la brutta storia della turista inglese di 50 anni violentata in branco nell’ottobre di due anni fa. Un orrore per cui sono finiti in manette i cinque giovani. Ne è stato indagato uno a piede libero, e che ha sconvolto mezza Italia, avvenuto all’interno di un hotel di lusso.

IL POST DI SELVAGGIA LUCARELLI

Selvaggia Lucarelli ha pubblicato lo screenshot del post di Regio. Il ragazzo finito in manette dopo essere stato licenziato dall’hotel, che non ha rinnovato il contratto a quattro dei cinque arrestati, mentre il quinto, assunto a tempo indeterminato, è stato silurato per giusta causa. «Come sempre, gli stupratori sono un po’ meno stupratori quando sono italiani e infatti, guarda caso, capita che non veda su facebook così tanti commenti indignati come quando due stranieri stuprano in spiaggia o nel parco di qualche ridente città italiana», scrive Selvaggia, a sottolineare il fatto che la storia non ha scatenato indignazione come per altri casi analoghi.

LA FOTO CHOC

Nella foto si vede Raffaele in compagnia di un altro degli arrestati, Francesco Ciro D’Antonio, e di un altro ragazzo col volto oscurato, non coinvolto nella vicenda. «Tutti italiani, questi bravi ragazzi. Tutti con le foto con la moglie, con la fidanzatina su fb. Con i tag del bell’hotel in cui lavoravano e facevano pure qualche straordinario con le mutande calate e la droga in tasca, a quanto pare. Qui una bella foto di due di loro sul profilo fb di uno degli arrestati, profilo cancellato in un nanosecondo», conclude il suo post.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.