17.5 C
Napoli
sabato, Giugno 15, 2024
PUBBLICITÀ

Falsi prodotti Made in Italy, lavoratori a nero e in condizioni pericolose: maxi sequestro nel Vesuviano

PUBBLICITÀ

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, nel corso di distinti interventi volti alla tutela del “made in Italy” e al contrasto dello sfruttamento della manodopera irregolare, ha sequestrato tre centri di produzione tessile, di cui due completamente abusivi e sconosciuti al Fisco, per gravi violazioni riscontrate in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro e di gestione dei rifiuti. Sono stati segnalati 3 soggetti alla Procura della Repubblica di Nola.

In particolare, i finanzieri della Compagnia di Ottaviano hanno individuato, tra i comuni di Terzigno, San Gennaro Vesuviano e San Giuseppe Vesuviano, gli opifici allestiti con macchinari altamente performanti i quali, mediante l’impiego di manodopera italiana e straniera irregolare, svolgevano l’attività produttiva violando la normativa ambientale nonché le procedure di sicurezza più basilari. Le attività, peraltro, consentivano di produrre e collocare sul mercato, in danno degli ignari consumatori, migliaia di articoli tessili ed accessori con la falsa dicitura del made in Italy.

PUBBLICITÀ

Scoperte attività abusive

Nel corso del primo intervento, è stato individuato e sequestrato un immobile che nascondeva un’attività di tappezzeria completamente abusiva. Attività svolta con tutte le attrezzature necessarie e operante con la presenza di un lavoratore straniero privo di contratto di lavoro, ma regolare sul territorio italiano. Il titolare sarà tenuto al pagamento di sanzioni che vanno da 1.800 a 10.800 euro.

Durante un secondo controllo, invece, è stato sottoposto a sequestro un opificio tessile. AL suo interno erano presenti decine di apparecchiature, palesemente manomesse per rendere maggiormente spedita l’attività di produzione. Tale manomissione esponeva i lavoratori a gravi rischi per la propria incolumità.

Sequestrata fabbrica del falso Made in Italy

In un terzo intervento, i finanzieri hanno scoperto una fabbrica abusiva di guanciali da letto. Al suo interno era stato allestito un vero e proprio centro di produzione e commercializzazione del falso.

In questo caso, la ditta, completamente sconosciuta al Fisco e in assenza delle prescrizioni previste, aveva dato avvio a una fiorente produzione di merce irregolare. All’interno dell’opificio, infatti, sono stati rinvenuti guanciali già confezionati e materie prime sparse per i locali. Insieme anche a 12.000 brochure illustrative, riportanti, a chiare lettere, la dicitura “MADE IN ITALY”. Oltre ad altre indicazioni circa ipotetiche qualità, caratteristiche e proprietà dei prodotti. Tra queste: “guanciale anallergico”, “antiacaro”, “ortopedico”, “memory 100%”, “aloe vera”. Tutte brochure pronte per essere apposte – senza che ne ricorressero le condizioni – nel packaging degli accessori da letto da immettere sul mercato.

Il titolare dell’attività, peraltro, non è stato in grado di esibire alcuna documentazione o certificazione, inerente alla provenienza ed alla qualità della merce in parola.

Non solo merce falsa, anche lavoratori a nero

Sul posto di lavoro, venivano scoperti 4 lavoratori italiani, privi di contratto e, quindi, completamente in nero, uno dei quali risultato anche percettore di reddito di Cittadinanza. Al datore di lavoro sarà dunque contestata anche la cd. maxi-sanzione prevista in materia (da euro 7.560 a 45.360).

L’attività artigianale di tappezzeria era diretta ai privati cittadini e completamente in nero. Mentre gli ulteriori due opifici tessili posti sotto sequestro avevano, invece, allestito una solida linea di produzione di capi di abbigliamento e guanciali da letto. Alimentando la filiera del mercato all’ingrosso.

I controlli si sono conclusi con la denuncia di 3 soggetti all’Autorità Giudiziaria nolana, per gravi inadempienze sulla sicurezza dei luoghi di lavoro e nella gestione dei rifiuti. Oltre che per i reati di frode nell’esercizio in commercio e vendita di prodotti industriali con segni mendaci. Tali soggetti sono da considerare presunti innocenti fino alla sentenza irrevocabile che ne accerti la colpevolezza.

Nel corso delle attività, sono stati sequestrati 7 locali con un’estensione di 540 mq., 153 macchinari, tavoli da lavoro e attrezzature di produzione e confezionamento, 350 utensili di varia natura, 385.650 accessori d’abbigliamento e per lavorazione tessile, 29.772 capi finiti o semilavorati, 8.074 tra guanciali, federe e accessori, 12.000 brochure illustrative, 395.030 metri di materiale tessile e stoffa, kg 6.300 di spugna, nonché kg 820 di rifiuti speciali non pericolosi, rinvenuti nei luoghi di lavoro.

PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Clan Marino, mazzata anche in appello per i ras delle Case celesti

Quasi un secolo di carcere. Questa la decisione d’appello per ras e affiliati delle Case celesti di Secondigliano e facenti...

Nella stessa categoria