Questo pomeriggio, a Pompei, i Carabinieri del Posto Fisso Scavi di Pompei hanno denunciato un cittadino francese 52enne per tentato furto.
I militari dell’Arma sono intervenuti su segnalazione di personale di vigilanza privata.
L’uomo è stato notato in atteggiamento sospetto nei pressi della “Casa di Loreto Tiburtino” (“Quartione”).
Poi, nel corso di perquisizione nel suo zainetto è stato trovato in possesso di 13 frammenti di cocci di terracotta antichi di diverse dimensioni (da 1×1 a 4×3 cm) provenienti proprio dal posto indicato.
Il materiale è stato consegnato al personale della Soprintendenza Archeologica di Pompei.
AGGIORNAMENTI DELLE 19:26
Dopo approfondimenti e indagini sono stati tratti in arresto i cittadini di nazionalità francese Pierre Luc GIGLIO, 52 anni e Annie Marie Claire FRANCO, 50 anni. Gli operanti approfondendo la situazione hanno accertato che era stato tentato anche il furto di un marmo di epoca romana della dimensione di 17×7 cm (trovato occultato nello zaino della donna compagna di GIGLIO).
La 50enne è stata individuata ancora all’interno del parco archeologico. Gli arrestati sono in attesa di rito direttissimo.
 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.