A raccontare dei presunti abusi subiti dalla figlia minore, all’epoca dei fatti di soli 12 anni, compiuti dal nonno paterno, è stata la madre, una donna keniota ma residente in Italia da oltre 25 anni. Secondo il racconto della ragazza, nel 2015 – con la madre in carcere per traffico di droga e il padre marittimo – sarebbe stata “toccata con insistenza” dal nonno, senza che la nonna presente in casa intervenisse. A denunciare l’aguzzino dell’adolescente sua madre, di origine keniota ma residente a Varcaturo, sulla fascia costiera di Giugliano.
Dal carcere – dove la donna è rimasta quasi quattro anni – la mamma appreso i fatti ha sporto denuncia contro i due anziani e contro l’ex marito, reo seconda lei di non essere intervenuto in tempo. La donna ha raccontato tutto quest’oggi nell’aula del tribunale di Torre Annunziata (pm Andreana Ambrosino, presidente del collegio Fernanda Iannone) dove si è svolta l’udienza del relativo processo.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.