9.3 C
Napoli
giovedì, Febbraio 22, 2024
PUBBLICITÀ

I messaggi di Filippo Turetta alla sorella di Giulia: “Falle accendere il telefono”

PUBBLICITÀ

Nell’ultima puntata di “Chi l’ha visto?”, la tragica storia di Giulia Cecchettin ha toccato il cuore degli spettatori, rivelando i messaggi angoscianti scambiati tra Filippo Turetta e la sorella della giovane, Elena Cecchettin. La serie di chat, presentate come prove cruciali, ha portato alla luce una dinamica di controllo e richieste insistenti.

Filippo, in preda all’ossessione, cercava in modo insistente di mantenere un controllo totale sulla vita di Giulia Cecchettin.

PUBBLICITÀ

Le chat su Giulia Cecchettin tra Elena E Filippo 

La sequenza di messaggi mostrati durante la trasmissione rivela la pressione emotiva esercitata da Turetta su Elena, chiedendo insistentemente di far accendere il telefono di Giulia. Una richiesta respinta dalla sorella, che invoca un “attimo di respiro” per Giulia.

Ciao scusa, puoi far accendere il telefono alla Giulia e farglielo lasciare acceso?”, è uno dei tanti messaggi che Filippo le scriveva. E alla negazione di Elena, lui aggiunge “Perché?! No non è giusto, non può non pensarmi per tutte ste ore. Mi aveva promesso ieri che mi scriveva durante la giornata… dille almeno che le ho scritto”. “Filippo dalle un attimo di respiro”, scrive a questo punto Elena. E lui: “Di respiro da cosa? Mi aveva promesso che mi mandava qualche foto e video della giornata… scusa Grazie”.

Giulia Cecchettin, aveva cercato di porre fine alla relazione con Filippo, desiderando libertà e distanza. In un messaggio vocale inviato alle amiche, manifestava preoccupazioni per la possibilità che Filippo potesse farsi del male. Pare che avesse addirittura avvisato i genitori di Filippo, chiedendo loro di stare vicini al giovane.

Le parole del padre di Gino Cecchettin

Gino Cecchettin, il padre di Giulia, ha rivelato la sfida del perdono. “Perdonare Filippo Turetta? È una cosa veramente difficile,” ha confessato, sottolineando la complessità di questo processo. Ha aggiunto che non provare rabbia è una cosa, ma il perdono è un passo ulteriore, rendendo il confronto con il perdono di Gesù nei confronti dei suoi carnefici.

Cecchettin ha esposto il desiderio che Turetta possa rendersi conto delle sue azioni e magari, un giorno, trasformare la sua esperienza in messaggi di speranza per coloro che affrontano difficoltà simili.

A poche ore dal doloroso funerale della figlia Giulia, Gino Cecchettin ha annunciato una pausa dal lavoro. Attraverso un post su Linkedin, ha condiviso il dolore della perdita di sua figlia e ha espresso la sua gratitudine per il sostegno ricevuto. Ha evidenziato il valore dell’appoggio sincero, delle spalle su cui piangere e delle parole gentili che possono lenire un cuore spezzato.

 

PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Il ruolo di hostess e promoter ad eventi e fiere

Per rappresentare efficacemente un brand, anche di una piccola azienda, nel corso di un evento promozionale, di una fiera...

Nella stessa categoria