Doppio crollo a Napoli
Doppio crollo a Napoli

“Un rumore sordo, poi il crollo. Abbiamo pensato a un terremoto”. Le famiglie di via Orsolone Guantai ai Camaldoli sono ancora scosse dalla, caduta del muro di cinta nel pomeriggio di mercoledì comportando l’interruzione della viabilità. “Siamo senza acqua e senza linea telefonica. Almeno per il momento non ci hanno detto di lasciare le case, ma siamo preoccupati”, aggiungono gli inquilini delle case coloniche del posto che ospita una mezza dozzina di famiglie. Sul posto per gli interventi di messa in sicurezza e ripristino della foglia il servizio manutenzione strade e servizio integrato delle acque del Comune, l’Abc-servizio fogne e idrico- tecnici comunali, il vicepresidente dell’Ottava Municipalità Salvatore Passaro, il consigliere municipale Francesco Ruggiero e il consigliere regionale Pasquale Di Fenza.

Dinamica simile nei pressi all’ippodromo di Agnano. Anche in questo caso le forti piogge abbattuesi hanno causato il crollo di un muro di cinta in via Raffaele Ruggiero, dal lato dove si trovano le stalle dei cavalli. L’arteria è per buona parte ricoperta di fango riversatosi sull’asfalto dalla collina circostante.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.