Bagarella picchia l'agente in carcere, esplode la furia del cognato di Riina
Le immagini del video diffuso da L'Espresso

Il boss Leoluca Bagarella ha picchiato un agente della polizia penitenziaria che lo stava accompagnando nel  cortile per l’ora d’aria. L’uomo ha ricevuto un violento pugno al volto e subito dopo Bagarella si è scagliato anche con gli altri due agenti. Immagini allegate all’informativa di reato inviata alla procura della Repubblica di Sassari, territorio in cui ricade il carcere di Bancali dove è detenuto Bagarella al 41 bis. Si tratta di un documento redatto un paio di mesi fa quando avvenne l’aggressione. Alcuni mesi prima il boss dei Corleonesi morse un agente del Gruppo operativo mobile della polizia penitenziaria mentre lo stava accompagnando nella sala videoconferenza. Inoltre lanciò in faccia olio caldo ad un agente. Il video è stato pubblicato in esclusiva da L’Espresso grazie allo scoop del giornalista Lirio Abbate.

CHI E’ LEOLUCA BAGARELLA

L’aggressore 79enne è il cognato di Totò Riina, condannato per un centinaio di omicidi condotti anche nei confronti donne e bambini. Bagarella fu un mafioso stragista, infatti,  sostenne e organizzò gli attentati di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e poi quelli di Roma, Milano e Firenze. Bagarella è in carcere dal giugno del 1995, dopo aver vissuto una lunga latitanza.

 IL VIDEO DELL’AGGRESSIONE

Già nel gennaio dello scorso anno,  Bagarella aveva aggredito con un morso un agente del Gom della polizia penitenziaria sempre nel carcere sassarese. Un”aggressione avvenuta mentre il detenuto veniva accompagnato nella sala delle videoconferenza, da dove avrebbe dovuto assistere a distanza all’udienza del processo in corso davanti alla Corte d’Assise di Palermo sulla trattativa Stato-mafia. Ora le immagini sono al vaglio della Procura della Repubblica di Sassari.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.