Maradona, la proposta di Fabio Cannavaro:«Un coro per Diego al 10’»

«Propongo che da oggi in poi per ricordare Maradona i tifosi dovranno, al minuto 10 di ogni gara, alzarsi in piedi, applaudire e intonare la sua canzone, la sua colonna sonora napoletana “Oh mamma mamma mamma…”. Da qui ai prossimi 100 anni, a ogni bambino che andrà a vedere una partita del Napoli, gli dovrà essere detto: “lui era il calciatore più forte al mondo di tutti i tempi. E ha giocato e vinto con il Napoli”». Questa la proposta di Fabio Cannavaro, ex difensore azzurro, per omaggiare Diego Armando Maradona a soli tre giorni dalla sua scomparsa. Una proposta rilanciata dall’intervista che Cannavaro ha rilasciato a Il Mattino.

Cannavaro ha ricordato quel periodo in cui lui era nelle giovanili e Maradona la stella della prima squadra:«Per me è stato una specie di supereroe. Che ne so: Superman e l’Uomo Ragno assieme. A noi regalavano una tessera per la tribuna laterale, ma per fare il tifo scavalcavamo per andare in curva. Poi ci portarono a fare i raccattapalle e il giorno della gara-scudetto con la Fiorentina io venni chiamato all’improvviso, perché mancava un ragazzo, dal professor Scarpitti a giocare la partitella che una volta si disputava prima del match tra i giovani. E così ho potuto assistere da vicino alla festa con Maradona e tutti gli altri».La scena che porta nel cuore? «Ne ho due: dopo la vittoria della Coppa Uefa a Stoccarda quando cerca Ferrara in lacrime e se lo coccola dicendogli “Ciruzzo è napoletano e se lo merita più di tutti”. Poi, un altro abbraccio: a Pelé, a Mosca, al sorteggio per i Mondiali. Alla fine erano due vecchi amici».

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook