Nove ambulanze hanno provato a salvare Maradona, 14 giorni fa l’operazione al cervello

Addio Diego Armando Maradona
Addio Diego Armando Maradona

La notizia è arrivata poco fa: Diego Armando Maradona è morto. Il miglior giocatore di calcio della storia, campione del mondo e leggenda del calcio. Il campione argentino aveva 60 anni. Secondo quanto riportato dall’autorevole quotidiano argentino Clarìn, Maradona è deceduto oggi, 25 novembre, a seguito di un arresto cardiorespiratorio.

Era a casa quando è stato colto dal malore, verso 12. Inutile l’arrivo di 12 ambulanze. “Arrivederci Diego, sarai eterno” scrive l’account ufficiale della Nazionale Argentina che ricorda sui social il grande Diego scomparso oggi all’età di 60 anni.

Dopo la sconcertante ultim’ora proveniente dall’Argentina sulla morte di Diego Armando Maradona, la redazione di Kiss Kiss Napoli ha raggiunto il fratello Hugo che ha dichiarato in lacrime: “Ha avuto una crisi respiratoria. Sono drammatiche le notizia che mi arrivano”.  Inutlie il soccorso di 9 ambulanze al Barrio San Andres, suo domicilio attuale a Buenos Aires.

Soltanto lo scorso 11 novembre era stato dimesso dalla clinica Los Olivos di Buenos Aires. Era stato trasferito in un appartamento preso in affitto non distante dalla clinica dov’è stato operato. Le condizioni dell’ex campione argentino erano state definite buone. Soltanto pochi giorni dopo il suo compleanno era stato infatti operato al cervello dopo che una Tac aveva evidenziato un ematoma subdurale, che aveva generato un coagulo in una regione del cervello.

Secondo quanto mostrano le immagini dei principali canali televisivi, sarebbero nove le ambulanze sono già presenti nella residenza dell’ex fenomeno del calcio mondiale.