“Nessuno stupro, la signora era consenziente”. Così si sono difesi i ragazzi accusati di aver drogato e seviziato una turista inglese all’hotel Alimuri a Meta di Sorrento. Fabio De Virgilio, Antonino Miniero, Gennaro Davide Gargiulo, Raffaele Regio e Francesco Ciro D’Antonio hanno risposto al giudice, rigettando ogni accuse tutti i componenti del gruppo finiti sotto inchiesta. Sono in carcere con la gravissime accusa di violenza sessuale di gruppo ai danni di una turista inglese.Tutti hanno fornito chiarimenti sulla notte tra il 6 e il 7 ottobre 2016, quando una 50enne inglese sarebbe stata prima narcotizzata con droga sciolta in un drink e poi stuprata.

IL RACCONTO E LA DIFESA

Secondo i ragazzi, dunque, la donna sarebbe stata consenziente. Il barman ha dichiarato che il rapporto sarebbe durato «circa dieci minuti» e si sarebbe svolto «senza alcuna violenza». Gli indagati hanno riferito che la vittima avrebbe mostrato interesse per Miniero, corteggiandolo per tutta la serata. Il 34enne barman si sarebbe limitato ad abbracciarla scherzosamente e non avrebbe mai avuto un rapporto sessuale con lei.
L’INTERROGATORIO
Dunque secondo gli indagati la donna avrebbe fatto volontariamente sesso col solo De Virgilio. Quanto alla droga, nessuno degli ex dipendenti dell’hotel Alimuri, messi sotto inchiesta dalla Procura di Torre Annunziata, ha saputo indicarne la provenienza. Tanto più che nemmeno nelle intercettazioni effettuate dagli investigatori e nella chat alla quale hanno partecipato alcuni indagati si fa riferimento agli stupefacenti. Eppure gli esami condotti su capelli e urine della vittima hanno dimostrato l’assunzione della cosiddetta «droga da stupro» da parte sua, in un periodo che coincide con quello del soggiorno a Meta.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.