“Napoli ha perso un figlio”, gli ex compagni di squadra ricordano Maradona tra le lacrime

Maradona: il più grande di sempre

Lacrime, dolore e incredulità. Gli ex calciatori del Napoli che con Maradona hanno condiviso i successi sul rettangolo di gioco e nei momenti privati non riescono a trattenere le lacrime. Ottavio Bianchi, storico allenatore del glorioso Napoli, interpellato, non riesce a parlare: “Non ce la faccio” dice ai cronisti che gli chiedono un ricordo a caldo.

 “Signore, il nostro Amico, Fratello Diego è partito per il tuo Regno, accoglilo a braccia aperte, era e sarà sempre speciale per tutti noi”. Antonio Careca, che con Maradona e Giordano formava la strabiliante “Magica” ha affidato ai social il suo ultimo messaggio per il compagno d’attacco.

Indelebili i ricordi di Bruscolotti, capitano del Napoli all’arrivo di Diego, che passò al campione argentino la fascia con la promessa della vittoria dello scudetto. Quella promessa Maradona la mantenne. “Da oggi sei tu il capitano, però dovrai mantenere l’impegno: Napoli aspetta lo scudetto. Diego per me era come un fratello, abbiamo avuto un rapporto fortissimo, incredibile. Napoli ha perso un figlio, uno che gli ha dato tanto. E la sua scomparsa è un lutto cittadino o forse mondiale”. 

Non riesce a trattenere le lacrime, invece, Francesco Romano, Ciccio per tutti, che di quel Napoli fu l’uomo chiave del centrocampo. “L’ultima volta che ci eravamo visti, fu tre anni fa, quando venne a Napoli per la cittadinanza onoraria. Ci eravamo sentiti poco, perché non era facile, ma non c’era mai stata distanza. Ed ora mi sembra di sentire ancora le sue braccia che stringono e io che non afferro ciò che mi sussurrava”. “E’ stato lui a guidarci per mano. Ed ora il dolore è insopportabile. Lo combatto parlandone, mi aiuta a tirar fuori tutto quello che ho dentro. Ho giocato nel Napoli di Maradona e con lui ho vinto il primo scudetto. Era e rimarrà il più grande di sempre”.