Nei 10 giorni ‘rossi’ durante le feste di Natale sarà possibile andare a trovare parenti e amici – sempre nel limite massimo di due persone oltre ai minori di 14 anni, alle persone disabili o non autosufficienti che con loro convivono – anche in un comune differente da quello di residenza o domicilio, purché si trovi nella stessa Regione. E’ quanto precisa palazzo Chigi nell’aggiornamento delle Faq sul sito del governo.

Lo sposamento è consentito una volta al giorno, tra le 5 e le 22. 

Nei giorni indicati con l’arancione durante le feste di Natale (28-29-30 dicembre e 4 gennaio) sarà possibile per chi risiede nei comuni sotto i cinquemila abitanti spostarsi tra le 5 e le 22 anche in un’altra regione, sempre però entro i 30 km dalla propria residenza e senza andare verso i capoluoghi di provincia, è quanto chiarisce il governo nell’aggiornamento delle Faq sul sito di Palazzo Chigi sottolineando che, dunque, “sarà possibile anche andare a fare visita ad amici e parenti entro tali orari e ambiti territoriali”

Decreto Natale, come compilare l’autocertificazione per muoversi durante le feste

Il Decreto Natale 2020 trasforma l’Italia in zona rossa e rispunta l’autocertificazione per giustificare gli spostamenti limitati dalle misure nei giorni festivi e prefestivi tra il 24 dicembre e il 6 gennaio. «Interveniamo con un inasprimento dell’area rossa, stiamo prevedendo forti limiti alla circolazione. Si esce con l’autocertificazione nei giorni prefestivi e festivi», ha spiegato ieri il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, illustrando le misure contenute nel provvedimento che mira ad arginare la diffusione del Coronavirus. Si esce di casa solo per ragioni di lavoro, necessità e salute. Il decreto prevede la possibilità di accogliere in casa 2 persone non conviventi «per un minimo di socialità». L’autocertificazione non serve nei giorni in cui l’Italia è formalmente zona arancione: 28, 29 e 30 dicembre, 4 gennaio. «Nei giorni in cui l’Italia è zona arancione ci si potrà spostare all’interno del proprio comune senza giustificare il motivo. Per venire incontro a chi abita nei comuni più piccoli, sono permessi gli spostamenti dai comuni fino a 5mila abitanti per un raggio di 30 km, senza raggiungere però i capoluoghi di provincia. I negozi saranno aperti fino alle 21».

Quando serve l’autocertificazione e quando no

Nella zona rossa proclamata dal 24 al 27 dicembre, dal 31 al 3 gennaio e il 5 e il 6 è è vietato spostarsi tranne che non ci siano motivi di lavoro, salute, necessità e tra questi rientra l’assistenza ad una persona non autosufficiente per la quale si potrà muovere una sola persona con eventuali figli minorenni. In questi casi serve l’autocertificazione. Resta sempre consentito viaggiare per fare rientro alla propria residenza, domicilio o nell’abitazione in cui ci si ritrova abitualmente con il partner (non nella seconda casa) ma anche qui servirà l’autocertificazione. Si potrà uscire per andare a Messa o per fare attività motoria.

Decreto Natale, come compilare l’autocertificazione per muoversi durante le feste

Pubblicità