Niente ritorno tra i banchi a Marano, Melito, Villaricca, Mugnano e Calvizzano: anche Giugliano e Qualiano verso il no

Rebus sul ritorno tra i banchi
Rebus scuola in Campania

Arriverà probabilmente oggi la decisione della Regione Campania sulla riapertura delle scuole in Campania. “Verificheremo se ci sono le condizioni di una riapertura delle scuole e capire gli effetti di questi misure. La curva sembra dare qualche piccolo spiraglio, anche se sono ancora alti con oltre 3mila contagi. Un minimo di arresto c’è stato ma la presenza del virus è evidente nella nostra popolazione regionale. Resta altissima la soglia di guardia. Oggi c’è una maggiore paura delle mamme per la presenza in aula e domani come Unità di crisi si deciderà una eventuale proroga per la riapertura”, ha spiega Roberta Santaniello membro dell’Unità di crisi regionale intervenendo nella trasmissione Barba&Capelli su Radio Crc Targato Italia.

L’assessore Fortini

Per quanto riguarda lo screening e numero verde, stiamo avendo difficoltà perché chiamano anche persone che non c’entrano nulla con la scuola”. E’ quanto dichiarato dall’assessore regionale all’Istruzione Lucia Fortini intervenendo nella trasmissione Barba&Capelli, in onda su Radio Crc.  Sulla possibile riapertura delle scuole in Campania, l’assessore Fortini dice: “E’ un tentativo che dovevamo fare. Fa riflettere che per settimane ci hanno massacrato per la sospensione della didattica in presenza e poi ci presentano dati che evidenziano come in classe il contagio possa diffondersi. I genitori mi scrivono, hanno timori sul ritorno in presenza, niente panico perché lo screening non significa che ci siano decisioni che non tengano conto della sicurezza”.

 Covid: Tar, legittima ordinanza su scuole Campania

E’ legittima l’ordinanza regionale sulle scuole in Campania. E’ quanto fa sapere l’Unità di crisi regionale. Con due decreti, il Tar campano ha, infatti, respinto i ricorsi di alcuni gruppi di genitori contro l’ultimo provvedimento regionale con il quale è stata programmata, a partire dal 24 novembre, la graduale ripresa delle attività didattiche in presenza nelle scuole dell’infanzia e della prima elementare, previo screening sul personale docente e non docente e sui bambini e relativi familiari. I genitori chiedevano la ripresa totale in presenza. 

La situazione nell’area nord

A Nord di Napoli hanno ufficializzato la chiusura fino al 3 dicembre Calvizzano, Melito e Marano, Villaricca e Mugnano

Nelle prossime ore arriverà la decisione anche delle Amministrazioni di Qualiano e Giugliano. Pare siano orientate tutte al prolungamento della chiusura fino al 3 dicembre.

 

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK