Ascensore rotto nell’ospedale a Napoli, paziente ingessato si trascina sulle scale [Video]

Paziente del Vecchio Pellegrini di Napoli si trascina sulle scale con un piede ingessato [Foto d'archivio]
Paziente del Vecchio Pellegrini di Napoli si trascina sulle scale con un piede ingessato [Foto d'archivio]

C’è un ascensore rotto e un paziente con una gamba ingessata è costretto a salire al quarto piano dell’Ospedale Vecchio Pellegrini di Napoli per il controllo all’ambulatorio ortopedico. È un video su Facebook, come riportano alcuni quotidiani locali, a scatenare le polemiche su un caso di malasanità. L’uomo, stando alle immagini, si è trascinato per le scale fino al quarto piano, con un piede ingessato, accompagnato dalla moglie, che ha ripreso la scena con il telefonino, e dal figlio. Ma l’Asl Napoli 1 centro che fa sapere di aver svolto già un’indagine interna precisa: “C’erano percorsi alternativi, il paziente non ha chiesto informazioni. Le guardia giurate hanno aiutato il paziente a scendere con un altro ascensore”. Sempre dalla Asl fanno sapere chela Direzione dell’Ospedale, informata del guasto, aveva allertato la ditta che si occupa della manutenzione e che, dopo circa due ore dall’intervento l’ascensore è tornato in avaria. (ANSA).

Le altre notizie | Ha un malore durante il turno in ospedale, infermiera salvata con un intervento lampo all’ospedale Cardarelli [Articolo del 25 luglio 2020]

È una storia a lieto fine quella di F.R, infermiera al Cardarelli. Durante il suo turno di lavoro presso gli ambulatori, il 22 luglio scorso, ha accusato un grave malore. Un ictus prontamente diagnosticato e curato dalla Stroke Unit. L’operatrice verso le 10 del mattino non si è sentita bene ed ha manifestato fin da subito i sintomi di un ictus cerebrale. Prontamente soccorsa, è stata presa in carico dal personale della Stroke Unit. Riconosciuta immediatamente la patologia, dopo gli esami neuroradiologici del caso, a meno di un’ora dall’inizio del malessere l’infermiera è stata trattata con trombolisi endovenosa. Immediatamente dopo i medici hanno sottoposto la donna ad un trattamento di riperfusione endovascolare dall’equipe del dottor Mario Muto.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO, VAI SUL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK