Franck Ribery e Diego Armando Maradona
Franck Ribery e Diego Armando Maradona

Salerno impazzisce per Ribery, i tifosi esagerano: “È meglio di Maradona”.

La città di Salerno in festa per l’arrivo di Ribery.
L’esterno francesce, considerato da molti uno dei più forti di sempre nel suo ruolo, arriva dopo due anni alla Fiorentina in cui aveva incantato la Serie A con le sue giocate. Del suo arrivo si vociferava già da qualche tempo, ma è stato quando è sbarcato a Capodichino che il sogno dei tifosi granata è diventato realtà.

Nel giro di qualche giorno lo stadio Arechi è stato allestito per la presentazione, con tanto di passerella d’onore. Presenti sugli spalti oltre 15 mila tifosi che hanno intonato diversi cori per il francese. Qualcuno, esagerando, si è anche spinto con i paragoni: “Maradona? Ribery è meglio”.

Le parole di Ribery dopo la presentazione alla Salernitana

Subito dopo la presentazione con la Salernitana, Ribery ha parlato davanti ai microfoni. “Sono contento per l’entusiasmo della gente, ma il calore di Salerno l’ho avvertito già a Monaco perché nei giorni scorsi ho ricevuto tanti messaggi dai tifosi e per me era incredibile, tutto ciò ti rimane. I tifosi mi hanno fatto sentire come uno di casa, come se stessi qui da anni”, ha detto Ribery che ha poi spiegato i motivi della sua scelta. “Io vivo per il calcio, per una passione, se vivessi per i soldi non starei qui. La mia famiglia è importante ed a loro ho spiegato ogni cosa. Fisicamente sto ancora bene ed ho tanto da dimostrare. Ho passione dentro e mi diverto ancora”.

Sul passato alla Fiorentina e l’elogio di Buffon: “Sono felice per la crescita di Vlahovic, ha ascoltato i miei consigli, per me è come un fratello e sono contento per le parole di elogio di Buffon. Con Quagliarella, Ibrahimovic abbiamo ancora tanto da dare.

“Io come Maradona?”, la risposta di Ribery

“Io come Maradona? Lui ha fatto una carriera incredibile, io ho vinto tanto ma non dimentichiamoci cosa ha fatto lui”, ha puntualizzato l’attaccante che, domenica prossima, potrebbe essere convocato per la trasferta di Torino. “Quando giocherò? Spero al più presto, è importante ritrovare subito il ritmo. Voglio essere utile alla mia squadra, aiutare tutti, soprattutto i più giovani e contribuire alla salvezza. Il ruolo? E’ importante il dialogo con l’allenatore”.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.