Nunzia uccisa a Salerno, l'orrore davanti al figlio: arriva la condanna per il marito
Nunzia uccisa a Salerno, l'orrore davanti al figlio: arriva la condanna per il marito

È stato giudicato inammissibile, da parte della Corte di Cassazione, il ricorso presentato per Salvatore Siani, condannato a 30 anni di reclusione. L’uomo ha ucciso la moglie Nunzia Maiorano, 41 anni, il 23 gennaio del 2018 a Cava de’ Tirreni, in provincia di Salerno. Siani le aveva inferto 47 coltellate a seguito di una lite, davanti al figlio. E per questo la Corte di Cassazione ha confermato la condanna di primo grado a 30 anni per l’uomo.

Le altre notizie | Confermato l’ergastolo per Luca Materazzo, uccise il fratello a Napoli con oltre 70 coltellate

La Corte di Cassazione ha rigettato la richiesta di perizia psichiatrica per Luca Materazzo, rendendo così definitivo l’ergastolo per l’uomo. Quest’ultimo ha ucciso il fratello Vittorio il 28 novembre del 2016 a Napoli, con oltre 70 coltellate in preda ad un raptus innescato dalla rabbia per motivi legati all’eredità del padre Lucio, morto qualche anno prima.

In precedenza, il processo d’Appello non si è svolto poiché lo stesso Luca Materazzo aveva deciso di rinunciare al secondo grado di giudizio. E, per questo motivo, aveva spedito un telegramma alla corte.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.