Mal di testa e tosse secca, i primi sintomi dell’influenza che tiene a letto milioni di italiani

Mal di testa e tosse secca, sono i primi sintomi dell’influenza che sta tenendo a letto milioni di italiani in questo inizio di 2020.

Casi in forte aumento

Aumentano a dismisura i casi di influenza rispetto alla scorsa settimana. Lo riporta il bollettino settimanale InfluNet, redatto dall’Istituto Superiore di Sanità, secondo cui nella seconda settimana del 2020 si sono registrati 374mila nuovi contagi, che portano a 2 milioni 268mila il numero delle persone che si sono ammalate.

Bambini e anziani i più colpiti

Maggiore attenzione per bambini ed anziani, che risultano essere i più colpiti. Nella fascia di età 0-4 anni l’incidenza è pari a 10,67 casi per mille assistiti, mentre tra gli individui di età pari o superiore a 65 anni a 3,31.

 

Influenza: come curarla

Se pensate che l’uso di antibiotici sia indispensabile per mandarla via, vi sbagliate. E’ molto più utile lavarsi le mani poiché il virus si trasmette attraverso goccioline di saliva. Pertanto gli antibiotici non vanno assunti a meno che non siano prescritti dal medico.

 

Aumentano a dismisura i casi di influenza rispetto alla scorsa settimana. Lo riporta il bollettino settimanale InfluNet, redatto dall’Istituto Superiore di Sanità, secondo cui nella seconda settimana del 2020 si sono registrati 374mila nuovi contagi, che portano a 2 milioni 268mila il numero delle persone che si sono ammalate.

Bambini e anziani i più colpiti

Maggiore attenzione per bambini ed anziani, che risultano essere i più colpiti. Nella fascia di età 0-4 anni l’incidenza è pari a 10,67 casi per mille assistiti, mentre tra gli individui di età pari o superiore a 65 anni a 3,31.

 

Influenza: come curarla

Se pensate che l’uso di antibiotici sia indispensabile per mandarla via, vi sbagliate. E’ molto più utile lavarsi le mani poiché il virus si trasmette attraverso goccioline di saliva. Pertanto gli antibiotici non vanno assunti a meno che non siano prescritti dal medico.