Trema la camorra di Pozzuoli, si pente il ras Procolo Pagliuca

E’ una decisione destinata a scuotere le fondamenta della camorra flegrea. Procolo Pagliuca, detto Lino, 35enne ras del Rione Toiano, diventa infatti collaboratore di giustizia. Attualmente detenuto nel carcere di Rebibbia in regime dì 41 bis, il 35enne sta scontando una pena di 17 anni e 4 mesi essendo stato accusato di essere uno dei killer di Gennaro Perillo ucciso nei giardinetti del rione Toiano. Ad anticipare la notizia Cronaca Flegrea. La scelta di Pagliuca era nell’aria tant’è che nei giorni scorsi alcune persone vicine al ras del rione Toiano si erano allontanate volontariamente dalle loro abitazioni. La decisione di Pagliuca di passare dalla parte dello Stato potrebbero consentire ai magistrati di avere finalmente delle risposte in merito a due casi ancora irrisolti. Specie due omicidi, quello del 2010 di Carmine Campana e quello di Giuseppe Minopoli. Quest’ultimo, guardia giurata, uccisa il 6 settembre del 2008 a Monterusciello nel tentativo di sventare una rapina. In questo caso le indagini non hanno mai avuto un’accelerazione. Con il pentimento di Pagliuca adesso le cose potrebbero finalmente cambiare.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook