Truffa agli anziani a Napoli, arrivano 150 mila euro per i risarcimenti

Due milioni di euro per i venti capoluoghi di regione. È lo stanziamento previsto dal Viminale per il contrasto e la prevenzione delle truffe agli anziani, attraverso il Fondo Unico Giustizia del ministero dell’Interno, da cui la somma è stata recuperata.​ Per città di Napoli saranno stanziati 152.800 euro.

L’iniziativa in via sperimentale parte oggi, con la firma di una direttiva ad hoc del ministro dell’Interno Matteo Salvini che questa mattina ha partecipato alla presentazione di ‘Più sicuri insieme”, la 4^ edizione della campagna nazionale contro le truffe agli anziani, presso la sede nazionale dell’Associazione Nazionale Anziani e Pensionati di Confartigianato, a Roma.

Obiettivo del Viminale è fornire strumenti e incentivi per consolidare uno stretto rapporto tra i sempre più numerosi over 65 e i rappresentanti della sicurezza sul territorio nonché incentivare comportamenti di autoprotezione in grado di ridurre il rischio di vittimizzazione.

Per accedere ai contributi, entro il prossimo 30 maggio i comuni dovranno presentare alla Prefettura, con la quale dovrà anche essere stipulato un apposito protocollo d’intesa, i progetti da concludersi entro il 30 giugno 2020. Le iniziative potranno riguardare campagne di tipo informativo/divulgativo e formativo, introdurre misure di prossimità nonché interventi di supporto, anche psicologico, per scongiurare eventuali situazioni di rischio.

Le somme erogate ai capoluoghi saranno commisurate alla popolazione anziana residente alla data del 1° gennaio 2018, oltre ad una quota comune identica per tutti i comuni, pari a 20 mila euro.