dazn
dazn

Dazn fuori uso per migliaia di utenti, prima di Sampdoria Napoli non è stato possibile utilizzare l’app per vedere la partita. Bufera sui social per l’ennesimo disagio. “E’ una vergogna!”, scrivono in molti.

Non c’è pace per DAZN, i problemi continuano. Dopo cinque giornate di campionato, la situazione non sembrerebbe essere migliorata. Anzi, il servizio sembra peggiorare di settimana in settimana. Il 23 settembre l’app ha fatto infuriare i tifosi di tutta Italia. A pochi minuti dal fischio d’inizio delle due gare delle 18.30, Sampdoria-Napoli e Torino-Lazio, l’app è andata in crash.

Errore 10-000-000. Questa la scritta apparsa sui dispositivi di tutti i tifosi collegati con ansia per poter vedere il match della propria squadra del cuore. Una disdetta per tantissimi appassionati, che stavolta non ce l’hanno fatta e hanno chiesto alle squadre di Serie A di prendere seri provvedimenti.

Dopo i tanti blocchi, i rallentamenti, e i problemi tecnici delle scorse settimane, la misura sembra già essere colma, e adesso per il broadcast britannico, che sta intanto lavorando alacremente per far suoi altri diritti telesivi importanti, si prospettano momenti molto duri.

 

Dazn in panne

Giovanni Di Lorenzo, terzino del Napoli, prima della sfida contro la Sampdoria è intervenuto al microfono di Dazn: “Il campionato è lungo. Ci fa piacere essere partiti così bene, anche oggi proveremo a fare il nostro gioco e portare a casa la vittoria, consapevoli che si tratta di una partita difficile. Dobbiamo continuare così, seguendo il mister e cercando di migliorare domenica dopo domenica”.

Luciano Spalletti, allenatore del Napoli, a pochi minuti dal match contro la Sampdoria è intervenuto al microfono di Dazn: “Zielinski è un calciatore che ha qualità, corsa, tiro, tecnica. E’ un calciatore completo, forte, che a causa degli Europei ha ritardato un po’ la condizione e speriamo di averlo al meglio oggi”.

Gioca Lozano e non Politano: era già previsto? “Io ho così tanta varietà che posso valutare i dettagli. Chi ha fatto bene e ha segnato provo a dargli seguito, tanto con i cinque cambi c’è possibilità di far giocare tutti”.

Il fatto di giocare dopo mette pressione o stimola? “E’ indifferente per noi. Sappiamo che per rimanere agganciati all’alta classifica dobbiamo disputare le partite cercando di vincerne il più possibile, per portare a casa il risultato, senza avere l’ossessione del primato in classifica. Non l’abbiamo, si guarda solo a giocare buone gare e portare via il massimo”.

 

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.