29 C
Napoli
lunedì, Luglio 4, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

“Gesù Cristo aveva pelle e occhi scuri”, lo studio inglese sul suo vero volto


Nelle opere d’arte e nei film Gesù viene raffigurato con l’idealizzazione tipica della fede. L’ispiratore del cattolicesimo viene rappresentato come un uomo dalla carnagione chiara, occhi azzurri e capelli biondi. Secondo la Bibbia, Gesù nacque a Betlemme in Palestina quindi in pieno Medio Oriente.

Il dottor Richard Neave, esperto britannico di scienza forense all’Università di Machester, potrebbe aver “scoperto” l’immagine più fedele: Gesù avrebbe pelle e occhi scuri, un viso “allargato”, una folta barba e capelli ricci. Lo studioso ha pubblicato da qualche tempo l’immagine del volto ricostruito.

Una foto di Gesù è stata riprodotta anche dall’artista olandese Bas Uterwijk che ha usato l’intelligenza artificiale per creare ritratti estremamente realistici di personaggi storici e monumenti. Un software neuronale Artbreeder sarebbe, quindi, capace di individuare le caratteristiche facciali e le qualità fotografiche comuni per produrre un’immagine.  Uterwijk ha spiegato al quotidiano inglese Daily Mail: “Cerco di guidare il software verso un risultato credibile. Penso al mio lavoro più come a interpretazioni artistiche che a immagini scientificamente o storicamente accurate”.

GESU’ DI NAZARETH

Ad influenzare l’immaginario nostrano sono state sicuramente le icone diffuse dalla Casa del Volto Santo e Gesù di Nazareth di Franco Zeffirelli. Lo sceneggiato fu trasmesso dalla Rai dal 27 marzo al 24 aprile del 1977. Il successo del lavoro fu internazionale, infatti, negli Stati Uniti venne considerata la migliore serie tv di tutti i tempi. Il profeta ebreo fu interpretato da Roberto Powell, attore britannico nato nel 1944 a Salford. La cittadina inglese dista oltre 3mila chilometri dalla Palestina.

Nel 1978, Gesù di Nazareth, che il regista scrisse con la collaborazione di Anhony Burgess e Suso Cecchi D’Amico, approdò nelle sale cinematografiche. La pellicola, con l’uso delle grandi masse attoriali, anticipa le grandi produzioni in stile kolossal. I costumi e la scenografia curati nei minimi particolari e la descrizione di Gesù tende verso il realismo abbandonando quasi del tutto, il tono mitico.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

L’allerta di De Luca sul covid: “Posti letto quasi tutti occupati”

L'aumento dei contagi covid in Campania ha allarmato Vincenzo De Luca, infatti, il presidente della Regione lancia l'allerta: "In queste...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria