Picchia la sua ex, ma resta in libertà: la rivede e la violenta per 4 ore

Era stato denunciato per aver picchiata e segregato in casa la sua ex, N.G., 42 anni di Morro D’Oro, una volta rincontratala in strada a Giulianova ha fatto peggio, costringendolo ad avere rapporti sessuali per 4 ore.

Una vicenda che ha dell’agghiacciante. Il primo episodio – scrive Leggo – è avvenuto a gennaio di quest’anno, quando i Carabinieri della Stazione di Roseto erano dovuti intervenire, d’urgenza, in seguito alla richiesta d’aiuto di una 40enne di Roseto, che riferiva di essere stata segregata in casa dal suo compagno e di essere stata picchiata con estrema violenza. Sul posto, i militari avevano trovato la donna con evidenti ferite al volto ed ecchimosi su tutto il corpo, mentre il compagno era completamente ubriaco e disteso sul letto, addormentato dopo aver bevuto un numero impressionante di bottiglie di birra, abbandonate vuote per terra e in giro per tutto l’appartamento.

Ai carabinieri la vittima, in lacrime, aveva riferito di essere stata chiusa a chiave in camera da letto, e, dopo essere stata privata del telefonino cellulare, di essere stata percossa selvaggiamente con pugni, testate al viso, calci e lanci di oggetti, come piatti, bicchieri, soprammobili ed altro. Tutto era accaduto poiché l’uomo, l’aveva ingiustamente incolpata di avergli sottratto una somma di denaro. In seguito alle indagini svolte i militari acclararono che la vittima non aveva sottratto alcuna somma, ma che quest’ultimo l’aveva persa giocando alle slot-machine. N.G., fu quindi denunciato per sequestro di persona e lesioni personali pluriaggravate. Il Tribunale di Teramo emise contro l’uomo la misura cautelare del divieto di avvicinamento alla sua ex compagna.

L’altro ieri, nonostante il divieto, N.G. ha fermato la sua ex fidanzata per strada, a Giulianova lido, in pieno centro, costringendola a seguirlo in una abitazione a ad avere, per quattro ore, rapporti sessuali con lui. La donna, riuscita a fuggire, si è poi presentata in caserma, a Giulianova, per denunciare questo nuovo episodio di violenza. I Carabinieri hanno iniziato a tenere d’occhio, in via Marconi, ieri mattina, N.G. è stato sorpreso ad aggredire, per l’ennesima volta, la sua ex. Ma questa volta è stato tempestivamente bloccato ed arrestato in flagranza di reato. Dopo le formalità di rito, è stato portato in carcere a Teramo. Oggi si svolgerà, in Tribunale, l’udienza di convalida.