Altro grande dolore per Piera Maggio, morto il nonno di Denise Pipitone
Altro grande dolore per Piera Maggio, morto il nonno di Denise Pipitone

Grave lutto per Piera Maggio e la sua famiglia. Si è spento infatti, poco fa, Vito Maggio il nonno della piccola Denise, la bimba scomparsa da Mazara del Vallo nel  2004.

A dare la triste notizia è stata la stessa Maggio, con un messaggio pubblicato sulla sua pagina Facebook: “Non c’è età che tenga per l’amore dei figli per i genitori. Ciao papà, riposa in pace”. . Poche parole che esprimono un dolore immenso. È questo il post che ha condiviso sui social  network. “Speriamo che dall’alto aiuti Denise“, è solo uno dei tanti messaggi. In pochissimi minuti sono tantissimi i messaggi di cordoglio sui social.

L’appello di Piera Maggio

Piera Maggio, madre di Denis Pipitone, non si arrende e ha rinnovato ancora l’appello a chi ha rapito sua figlia. Ospite all’evento “Incontri del Principe”, tenutosi a Viareggio, la madre ha rinnovato le speranze di rivedere la figlia sparita nel 2004 a Mazara del Vallo: “Chi non la riporta da noi non può chiedere e ottenere il perdono, chi ha rapito Denise non veniva da lontano, non è una persona sconosciuta che è venuta a Mazara per prendere una bambina sotto casa sua – aggiunge – Ho chiesto sempre giustizia e spero che un giorno ciò avvenga. Non abbiamo mai perso la speranza di riabbracciare Denise. Un’ora dopo la sparizione io avevo già in mente dei nomi“.

Le presunte minacce

La madre di Denise ha raccontato di aver più volte ricevuto minacce da parte di Anna Corona. Sarebbe l’ex moglie del papà biologico di Denise, Pietro Pulizzi, e della prima figlia (assolta) Jessica Pulizzi, facendo riferimento ad alcuni specifici episodi: le sarebbero state bucate le gomme dell’auto, sarebbe stato appiccato un incendio al negozio di sua sorella e la stessa Anna Corona avrebbe detto al padre che l’avrebbe fatta pagare alla figlia. “Ho sempre detto che il mio caso è stato preso sotto gamba, per non parlare degli errori che ci sono stati in questa vicenda. La macchina di ricerca non si è attivata a dovere, anche se tante persone hanno messo anima e corpo per trovare Denise”.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.