Nella serata di ieri e nelle prime ore di oggi tra Napoli e la provincia di Foggia i carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Modena, con il supporto dell’Arma territoriale di Napoli e Foggia e con il contributo dei Reparti Speciali messi a disposizione dalle Legioni Carabinieri Puglia e Campania, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip presso il Tribunale di Modena su richiesta di questa Procura della Repubblica, nei confronti di due indagati gravemente indiziati dei reati di concorso nella rapina a mano armata al portavalori della società “Coop Service”, commessa ad inizio anno (era gennaio del 2020) all’esterno del centro commerciale “GrandEmilia” di Modena, di porto illegale di armi da sparo e di ricettazione.

Quella mattina, una squadra dell’Istituto di Vigilanza Privata “Coop Service”, incaricata di raccogliere l’incasso del centro commerciale “GrandEmilia”, veniva aggredita da tre rapinatori armati e con il volto coperto da passamontagna i quali riuscivano ad impossessarsi, sia del denaro che gli incaricati stavano per collocare nel furgone blindato (tre sacche contenenti complessivamente circa 150mila Euro), sia della pistola Beretta cal.9 di una delle due guardie giurate. Nella circostanza, mentre una delle guardie si apprestava a trasportare i valori nel furgone utilizzando un carrello, veniva bloccata da due rapinatori, uno dei quali armato con un fucile a pompa che gli sottraeva la pistola di servizio, mentre l’altro si impossessava dei sacchi del denaro.

Il tutto avveniva mentre un terzo rapinatore, anche egli armato di fucile a pompa, teneva sotto tiro l’autista del furgone blindato. Quest’ultimo tuttavia, attuando le procedure operative di servizio per impedire la sottrazione degli altri valori presenti sul mezzo, inseriva la marcia riuscendo ad allontanare il mezzo blindato dal luogo della rapina. I tre rapinatori si davano quindi alla fuga a bordo di un’autovettura Alfa Romeo Giulietta di colore bianco, con targa donata risultata successivamente provento di furto avvenuto in provincia di Campobasso.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.