Funerali vietati per il boss, la Questura dice ‘no’ alla cerimonia in chiesa per “don Mimì”

Niente funerali per il vecchio boss, già condannato per mafia. E’ quanto deciso dalla Questura di Agrigento che ha vietato le esequie pubbliche per Domenico Terrasi, 75 anni, deceduto due giorni fa, ritenuto appartenente alla famiglia mafiosa di Cattolica Eraclea. Sulla stessa lunghezza d’onda anche l’arcivescovo Francesco Montenegr che ha ribadito più volte il suo no alle esequie religiose, per chi è condannato per mafia e omicidio.

Nel caso di Domenico Terrasi – riporta La Sicilia – soltanto una cerimonia privata, e la benedizione, poi la salma sarà sistemata nella camera mortuaria del cimitero di Cattolica Eraclea, per la successiva tumulazione. Terrasi era tornato in libertà lo scorso anno dopo aver scontato condanne. .