Doppia tragedia: donna si uccide, compagno si lancia dal secondo piano dell’ospedale

Lei si butta dalla diga, quando lui lo viene a sapere tenta di togliersi la vita. Doppia tragedia ieri a Auronzo dove una 48enne del posto è deceduta dopo essersi lanciata dalla diga della centrale di Santa Caterina. Nel pomeriggio intorno alle 15.30 un altro dramma: il compagno della donna, che era all’ospedale di Auronzo dove è in cura, si è lanciato dal secondo piano. L’uomo, 44 anni, gravissimo in coma a i Treviso per i politraumi. Si è salvato solo grazie a un’auto parcheggiata di sotto che ha attutito il colpo.

Non ha avuto scampo invece la compagna che, come il compagno, era in cura per depressione. Ieri notte è uscita di casa e ha messo in atto l’insano gesto. A notare il corpo ai piedi della diga, decine di metri sotto, due runner della squadra di calcio della Lazio in ritiro ad Auronzo. I due si stavano allenando su un percorso attorno alla centrale, apprezzato dagli amanti della corsa. La 48enne era in fondo al muraglione nella parte in cui non c’è l’acqua. I carabinieri di Auronzo hanno accertato che non ci sarebbero responsabilità di terzi: è stato un suicidio.

La donna lascia i due genitori, già segnati in passato dalla perdita di un figlio deceduto in un incidente stradale. Nel frattempo anche il compagno di lei è stato informato della morte e poco dopo si è gettato dal secondo piano dell’ospedale civile di Auronzo.