31.3 C
Napoli
mercoledì, Luglio 24, 2024
PUBBLICITÀ

Due ponti di Napoli preoccupano i cittadini, chiesti controlli su piloni e sostegni

PUBBLICITÀ

Approfonditi controlli e, se necessario, una celere messa in sicurezza al fine di scongiurare qualsiasi pericoli memori di quanto successo a Genova. I cittadini dell’area di via San Rocco chiedono una presa d’atto dell’amministrazione comunale e degli uffici competenti in relazione alle attuali condizioni dei due ponti, sia dalla parte vecchia che, soprattutto, di quella nuova, le cui strutture portanti sono oramai corrose dall’inesorabile trascorrere del tempo. I residenti dicono di essere, fra poche settimane, «pronti alla mobilitazione per richiedere lavori urgenti che scongiurino qualsiasi ipotesi di crollo. Se è necessario, siamo anche pronti al blocco stradale per farci ascoltare dalle istituzioni».

I ponti di via San Rocco sono di pertinenza del Comune di Napoli ed insistono sui territori afferenti a due diverse Municipalità: l’VIII (in special modo per la parte nuova) e la III, riguardante principalmente la parte vecchia.

PUBBLICITÀ

Entrando nello specifico, In effetti, vagliando sul posto le condizioni dei ponti, più di un problema si ravvisa. Con il passare dei decenni infatti, il lento ma inesorabile flusso idrico che anima il Vallone sottostante, tra le altre cose trasformatosi in una discarica a cielo aperto, ha in parte corroso le fondamenta e i piloni soprattutto del ponte di via Nuova San Rocco. Si scorgono anche crepe nella parte superiore, quello al livello della strada, dove è continuo il flusso di auto, dei veicoli e dei bus dell’Anm in direzione di Capodimonte, Frullone e Miano.

Anche i sostegni in ferro, sempre più arrugginiti, sono fuoriusciti dal cemento in cui erano contenuti. Ma, ad essere consumato, è altresì il tufo per la costruzione anche l’altro ponte, quello di via Vecchia San Rocco risalente al XVIII Secolo che in tanti percorrono in auto e a piedi da per raggiungere o provenire dall’area dei Colli Aminei. Ovviamente va specificato come non ci sia nessuna intenzione di creare allarmismi, men che mai dopo l’apocalisse di Genova. L’obiettivo è quello di porre la giusta attenzione su una situazione che preoccupa migliaia di persone, visto che i sopralluoghi effettuati nei mesi scorsi e alcuni lavori di tenuta eseguiti anni fa rischiano di non bastare per scongiurare ogni tipo di pericolo.  

 

A prendere visione dello stato dei due ponti, insieme al cronista, è anche Rosario Di Lorenzo, membro della segreteria demA, la forza politica del primo cittadino Luigi de Magistris, e tecnico esperto in materia. «Da quanto ho avuto modo di appurare da un primo sopralluogo visivo dei ponti – afferma Di Lorenzo – non risultano esserci imminenti pericolo di crollo o di cedimenti. Senza dubbio, però, una manutenzione ordinaria dei ponti va fatta. Anche il sottoscritto, sia da cittadino residente all’VIII Municipalità che come tecnico nonché appartenente alla segreteria del movimento politico del sindaco, ha ricevuto diverse segnalazioni in merito. Allerteremo immediatamente gli uffici competenti perché s’attivino sul da farsi». Ma i residenti insistono: «Giorno dopo giorno vediamo i sostegni dei ponti consumarsi. Non è mai stata fatta manutenzione e non si è mai arginato neanche il letto del fiume che s’ingrossa pericolosamente nei giorni di pioggia. La preoccupazione rimane ed è forte. Anche la strada e dei marciapiedi di via Vecchia San Rocco sono in cattivo stato. Si intervenga subito».

 

PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Controlli a Casandrino, sequestrati 700 quintali tra alimentari e carcasse di animali

Nella mattinata di ieri, gli agenti del Commissariato di Frattamaggiore, con il supporto di personale del Reparto Prevenzione Crimine...

Nella stessa categoria

PUBBLICITÀ