E’ ottobre ma a Napoli l’estate non finisce mai, spiagge prese d’assalto nel weekend

Immagine di repertorio

E’ ottobre ma l’autunno può attendere. Spiagge prese d’assalto nel weekend a Napoli e in tutto il centro sud con sole e caldo. Non è una novità, anzi, per definirla esiste il termine “ottobrata”. La coda dell’estate che ogni anno scalda l’inizio dell’autunno allungando il tepore della bella stagione, quest’anno ha riservato davvero molte soddisfazioni agli amanti del bagno fuori stagione.

Mentre al nord a farla da protagonista negli ultimi giorni è stata la pioggia, a Napoli il meteo ha regalato un weekend che, calendario permettendo, poteva far invidia a Ferragosto. Sono stati tantissimi infatti i lidi presi d’assalto da chi ha voluto regalarsi un ultimo bagno prima di abbracciare l’autunno. A far da cornice sono state le strade di Napoli che, grazie anche al bel tempo, sono state prese d’assalto da migliaia di turisti.

Anche se inevitabilmente i più ‘vacanzieri’ dovranno prima o poi posare il telo mare e munirsi di coperte e calzini di lana, questo mese d’ottobre sta regalando a tutti i napoletani sprazzi di vera estate.

Il meteo dei prossimi giorni

“L’ anticiclone, che da giorni imperversa su tutto il Sud Italia e naturalmente anche sulla Campania e sul capoluogo partenopeo, si mostra tenace e anzi ancora più vigoroso nel corso dei prossimi 2/3 giorni, con caratteristiche strutturali tipicamente estive. Sole e bel tempo, quindi, che continueranno a farla da padrone e, naturalmente, temperature decisamente calde per il periodo, con prospettive di massime fin sui +25/26 o persino 27°C, da oggi e fino a metà settimana” questo, come riportato da ‘Meteo Web’, il tempo che i napoletani si potranno godere nei prossimi giorni.

Sempre secondo quanto si legge sul portale, si avrà un peggioramento verso fine mese, intorno al 24/25. In particolare, nella giornata di venerdì 25, fino alla mezzanotte di sabato 26, il cielo sarà invaso da nuvole e qualche pioggia.

E’ possibile, negli ultimi due giorni del mese, un aumento di nubi per un progressivo cedimento dell’alta pressione a opera di correnti un po’ più movimentate e instabili, di matrice dapprima occidentale poi anche settentrionale. In questa circostanza, potranno arrivare anche nelle piogge deboli o moderate, intermittenti, sul capoluogo partenopeo.

Mai così caldo negli ultimi anni

Il caldo record a cui stiamo assistendo negli ultimi giorni, non si faceva registrate in Italia (ma anche in tutta Europa), dal 2011. Come riportato da ‘Meteo Giornale”, ecco cosa successe 8 anni fa:

“Un’ondata di calore anomala si scatenò su gran parte d’Europa nei primi giorni d’ottobre del 2011, con numerosi “over 30” in Spagna, Portogallo, Francia, Albania, Croazia, Montenegro e picchi fino a 29 gradi in Belgio e nord della Germania.

Ad essere maggiormente colpito dal caldo anomalo fu però il Regno Unito: in Galles si stabilì il nuovo record di caldo ad ottobre, di due gradi più alto del precedente, ma ancor più sensazionale fu il picco di +29.9°C a Gravesend, nel Kent, in Inghilterra.

Si stabilì così la temperatura più alta di sempre mai toccata ad ottobre nel Regno Unito, battendo di mezzo grado il precedente primato di +29.4°C che era stato misurato il 1° ottobre 1985 sulla località March, in Cambridgeshire. A Londra la temperatura raggiunse la soglia dei 29 gradi, valore che sarebbe stato altissimo ben oltre la norma anche in piena estate. Questa calura senza precedenti spinse la gente a prendere d’assalto le spiagge: nella foto in alto possiamo apprezzare il litorale di Brighton strapieno di bagnanti.

Nemmeno in piena estate si raggiungono picchi termici del genere. Anche l’Italia risentì di questa fase di caldo eccezionale ed il 2 ottobre 2011 furono in particolare numerose stazioni del Triveneto a toccare i nuovi primati di temperatura da record per ottobre.

Fra le varie città citiamo Trieste dove si erano misurati +30.8°C (il precedente record, se escludiamo quello del giorno prima, era stato stabilito 3 anni prima ed era di quasi tre gradi inferiore), Verona +29.2°C (contro i +27.4°C dell’ottobre ’86) e Treviso +29.2°C (contro i +28.0°C dell’ottobre ’56).

Nemmeno le regioni di Nord-Ovest furono risparmiate dal caldo: su tutte spiccò Torino Caselle che il 2 ottobre raggiunse i +28.5°C (battuto di un decimo il record del 1°ottobre del ’97) e Genova Sestri con un picco massimo il 1° ottobre con ben +29.4°C. Per Genova tale temperature disintegrò di quasi due gradi il record precedente stabilito nel 1997. Il record di caldo fu sgretolato anche a Firenze, dove i +31.7°C registrati il 2 ottobre 2011 all’aeroporto di Peretola superarono nettamente i +30.8°C dell’ottobre del 1985″.