Meteo. Il caldo ha le ore contate: fine settembre da paura. Rischio temporali e grandine

E’ arrivato il momento di salutare il caldo estivo che ci ha fatto compagnia per oltre 2 mesi. Nonostante le previsioni pessimistiche dei mesi scorsi, il beltempo ha dominato sull’Italia consentendo vacanze serene a chi ha scelto le coste italiane per trascorrere i giorni di riposo.

Attualmente, come riporta il sito Ilmeteo.it, sembra di essere ancora in piena estate, ma le cose stanno per cambiare. La situazione precipiterà da martedì quando si dovrebbe raggiungere l’apice di questa anomala fase di caldo fuori stagione, con i termometri che potrebbero raggiungere picchi di 36/37°C sulle zone interne della Sardegna. Valori comunque superiori ai 33/34°C anche su gran parte della Sicilia e al Centro-Sud peninsulare, anche in importanti città come Napoli, Roma e Firenze. Caldo sopra le righe anche al Nord con punte di 30/31°C a Bolzano, Trento, Verona, Bologna, Ferrara e Padova.

“Ora però – riporta il sito specializzato – la nostra attenzione si concentra nei giorni successivi quando comincerà ad affluire sull’Italia correnti via via sempre più fredde, addirittura di lontane origini russe. Tra mercoledì 18 e giovedì 19, l’aria fredda comincerà gradualmente a dilagare al Nord in rapida espansione alle regioni del Centro, provocando un generale peggioramento del tempo.
Sarà solo il preludio ad un deciso cambiamento che favorirà un vero e proprio tracollo dei valori termici i quali, entro venerdì 20, assumeranno ovunque connotati decisamente più consoni al periodo, sicuramente più autunnali che estivi.
Le regioni dove si avvertirà maggiormente questa discesa dei termometri saranno soprattutto quelle settentrionali e gran parte del versante adriatico, dove si potranno registrare fino a 8/10°C in meno rispetto ai valori attuali.
Al Sud e sulle regioni tirreniche continueremo ad avere ancora valori di qualche grado sopra la media, tuttavia il gran caldo abbandonerà gradualmente anche questi settori del nostro Paese”.