Ieri mattina sono interventi i carabinieri del Nas e i medici dell’Asl al mercato ittico di Mugnano sospendendo temporaneamente tutte attività. I militari hanno rilevato che la struttura pativa carenze igienico-sanitarie e strutturali, per cui è stata disposta la chiusura amministrativa finchè non saranno risolte le criticità riscontrate dai Nas. Nel pomeriggio alcuni paranzari e i carabinieri sono stati al Comune di Mugnano per incontrare i vertici dell’amministrazione.
“Solo qualche mese fa il consiglio comunale dovette riunirsi in fretta e furia per far approvare una variazione di bilancio di circa cinquanta mila euro per il mercato ittico. Oggi con grande stupore scopriamo che quei fondi non sono mai stati usati, ma ciò che è peggio, che ancora oggi a distanza di un anno, vi è una gestione del mercato che ruota ogni 25 giorni. Assurdo. – hanno dichiarato i consiglieri d’opposizione in una nota congiunta – Tale stato di cose e tale incompetenza della maggioranza di questa amministrazione, ha fatto sì che nella giornata di ieri i Nas abbiano apposto i sigilli alla struttura del Mercato Ittico sospendendone l’attività. Tra le motivazioni c’è l’aggravamento delle condizioni igienico sanitarie e strutturali che a più riprese erano state segnalate, ma che nessuno aveva provveduto a sistemare. Come volevasi dimostrare questa gestione scellerata del mercato, turnazione a 25 giorni, un tempo fiore all’occhiello, rischia di portare alla chiusura definitiva. Questa condotta comporterebbe un danno senza precedenti per tutti coloro che vi lavoravano”.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.