Non sono bastate le preghiere, Carlo è morto dopo 3 giorni di agonia: «Troppo gravi le ferite»

Ha lottato con tutte le sue forze ma purtroppo non ce l’ha fatta. Dopo tre giorni di agonia il cuore di Carlo Poerio, 19 anni, ha smesso di battere. Troppo gravi le ferite riportate a seguito del drammatico incidente avvenuto lo scorso sabato, 5 ottobre, in via Campana nei pressi del bivio di Quarto. Per cause in corso di accertamento il giovane di Villaricca ha perso il controllo del mezzo ed è caduto a terra battendo la testa. Subito dichiarate gravi le condizioni di Carlo trasportato d’urgenza all’ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli.

Amici e parenti non hanno mai smesso di pregare e sperare. Ma nella tarda mattinata di oggi il tragico epilogo. Carlo non ce l’ha fatta.

In queste ore sono tantissimi post di rabbia e dolore lasciati sulla pagina Facebook del 19enne:

L’amico Antonio scrive: “Che dire non ci sono parole per descrivere questo brutto incidente..ma l’unica cosa che posso dire che sei sempre stato mio fratello ti conosco da 14 anni e volevo continuare a passare gli altri giorni a vederci e salutarci non posso crederci a quello che e successo sto troppo male solo a pensarci avrei dato di tutto x farti ritornare fra noi sappi che rimarrai sempre nel mio cuore non dimenticarlo vorrei tanto incontrarti in qualche sonno giusto il tempo di salutarci tiamooooooo fratellone mio non doveva succedere propio a te la vita e in giusta ma la cosa che conta che ora starai al fianco di tuo padre tvb tanto fratm carletto R.I.P amico miooo”