Portò telefonino in carcere ad un camorrista, condannata professoressa

telefonino carcere mutande nascosto

Ha portato un telefonino ad un camorrista che è stato detenuto nel carcere della Dogaia a Prato.  Venerdì scorso il giudice dell’udienza preliminare Francesca Scarlatti ha inflitto due anni e otto mesi di reclusione alla professoressa delle medie Laura Bonafede e 6 anni al detenuto del carcere Francesco Raia: come riporta il Tirreno.

Bonafede fu arrestata nel luglio di due anni fa per aver portato di nascosto nel reparto di massima sicurezza e Raia utilizzò il telefono per un mese. Dopo gli accertamenti scattarono le ordinanze di custodia cautelare per corruzione. Raia sta scontando 17 anni di carcere per una serie di reati, tra cui un agguato di camorra risalente al novembre 2007.