Sciopero generale a Napoli, foto ANSA
Sciopero generale a Napoli, foto ANSA

Corteo di protesta a Napoli dell’Usb e dei Cub, nell’ambito dello sciopero nazionale di 24 ore, indetto dal sindacato di base. I manifestanti hanno bloccato una rampa di accesso all’Autostrada di Napoli Est nella zona del Porto, paralizzando il traffico in tutta via Marina e non solo. Ferme anche le funicolari Centrale e Montesanto.

Gli attivisti hanno dato il via alla loro protesta con un corteo partito da piazza Mancini. Chiedono, tra l’altro, riduzione del tempo di lavoro a parità di salario, un reddito universale, la rivalutazione delle pensioni, il rilancio dello Stato sociale, investimenti nella scuola nei trasporti.

“A Napolispiegano i sindacalisti Usb i lavoratori stanno bloccando l’accesso all’autostrada. Si lancia una voce unitaria dal sindacalismo indipendente. I lavoratori non sono disposti a pagare i costi di ristrutturazione ultra-liberista che si apprestano a realizzare al Governo. Oggi era importante lanciare un segnale di massima chiarezza”.

“La massiccia adesione allo sciopero generale del TPL affermano Marco Sansone ed Adolfo Vallini dell’USBconferma la validità delle ragioni contenute alla base della vertenza nazionale, compreso il no al Green pass nei luoghi di lavoro per sostituire le misure di prevenzione classiche e sospendere i lavoratori dal soldo e dal servizio. I lavoratori dell’Anm accanto alla vertenza nazionale chiedono il miglioramento delle condizioni lavorative, organizzative e retributive del personale, il riconoscimento delle spettanze economiche, già maturate e non erogate, la stabilizzazione del personale interinale, ma anche un servizio pubblico sicuro e dignitoso che risponda in modo efficiente alle reali esigenze dei territori in un contesto di lavoro sano e rispettoso degli operatori del settore”.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.