Tabaccaio in fuga col Gratta e Vinci a Napoli, svolta nelle indagini: «Chiedeva i soldi per restituirlo»
Tabaccaio in fuga col Gratta e Vinci a Napoli, svolta nelle indagini: «Chiedeva i soldi per restituirlo»

Gaetano Scutellaro è stato sottoposto a fermo poiché indiziato di furto pluriaggravato e tentata estorsione. L’uomo, fermato nell’aeroporto di Fiumicino mentre tentava di prendere un volo per Tenerife, ha sottratto un “gratta e vinci” da 500mila euro ad un’anziana di Napoli il 2 settembre. Il provvedimento, emesso dalla Procura – pm Daniela Varone, procuratore aggiunto Piepaolo Filippelli –  notificato dai carabinieri della compagnia “Stella” di Napoli.

Stando a quanto si apprende, inoltre, ci sarebbe anche il reato di estorsione. Pare che l’uomo, infatti, abbia chiesto alla signora anziana una somma di denaro per restituirle il tagliando vincente. A riportare la notizia è Il Mattino.

Finisce in cella Gaetano Scutellaro, il tabaccaio del caso ‘Gratta & Vinci’ accusato di furto e tentata estorsione

I Carabinieri della Compagnia di Napoli Stella hanno eseguito il fermo disposto dalla Procura della Repubblica di Napoli di Gaetano Scutellaro, in relazione ai delitti di furto pluriaggravato e di tentata estorsione ai danni di una donna vincitrice di un biglietto gratta e vinci del valore di 500.000 presso una tabaccheria di Napoli. Recuperato presso una filiale bancaria nella città di Latina e posto sotto sequestro il biglietto oggetto di furto.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.