Uccide la nonna a pugni in auto, Maria Luisa massacrata dal nipote per soldi

 Aggressione mortale ieri sera a Ferrara. Un giovane di 22 anni ha ucciso sua nonna, 71 anni, massacrandola a pugni mentre era alla guida dell’auto, dal sedile passeggero. L’omicidio sarebbe avvenuto, secondo le prime ipotesi, per questioni di soldi. Lo riporta la stampa locale. Bloccato da automobilisti e da un carabiniere fuori servizio, il giovane è stato interrogato a lungo durante la notte e si è avvalso della facoltà di non rispondere. È in stato di arresto per omicidio volontario.

La vittima si chiamava Maria Luisa Silvestri ed è stata lasciata dal giovane agonizzante nell’auto ferma al semaforo. E’ morta poco dopo l’arrivo all’ospedale Sant’Anna di Cona. Viveva assieme al nipote, Pier Paolo Alessio, a Pontelagoscuro e il litigio, a quanto si apprende, potrebbe essere iniziato poco dopo cena in un fast food, e poi degenerato mentre i due erano in auto.

A lanciare un primo allarme alcuni testimoni che hanno segnalato un giovane che stava picchiando un’anziana nei pressi di un parcheggio del fast food e poi ancora dopo, con l’auto in movimento, guidata dalla vittima, fino al semaforo. Il nipote avrebbe tentato la fuga ma è stato bloccato appena sceso dall’auto da alcune persone e da un carabiniere fuori servizio. La nonna nell’abitacolo era priva di sensi. Il personale del 118 ha tentato di rianimarla ma poco dopo l’arrivo al Cona è deceduta. (ANSA)