18.5 C
Napoli
martedì, Settembre 27, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

“Vietato giocare in piazza” e i bambini per protesta passano la sera con lo smartphone


“Vietato giocare a palla in piazza”. Questa la scritta apparsa su un cartello affisso a Melendugno, Comune in provincia di Lecce. Per tutta risposta, i bambini del paese hanno organizzato un sit-in di protesta: armati di smartphone e striscioni, si sono seduti sulle panchine del centro cittadino con il cellulare in mano. “Criticate tanto la nostra generazione, ma ci avete tolto il pallone” si legge su un lenzuolo. A riportarlo è il quotidiano La Repubblica.

Tutto è partito quando alcuni residenti si serano lamentati dei “fastidiosi” rumori che provenivano dalla strada, dove i ragazzini erano soliti giocare a calcio. Da qui, la decisione dell’amministrazione comunale. Colpito e – probabilmente – incredulo, il sindaco Maurizio Cisternino ha aincontrato i giovani in portesta spiegando loro che la piazza nella quale giocavano era stata da poco ristrutturata.

Il primo cittadino ha poi promesso di rendere un’altra piazza, la Mar Rosso, una zona a traffico limitato proprio per permettere ai bambini di poter giocare liberamente con il pallone.

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

Alberto Raucci
Alberto Raucci
Alberto Raucci, 27 anni. Dal 2018 collaboro con InterNapoli.it, diventando giornalista pubblicista (e conseguendo quindi il tesserino) nel 2020. Nel corso degli anni ho avuto modo di scrivere anche per AbbìAbbè, giornale online e mensile in carta stampata. Abile nella produzione e nel montaggio video.
- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Campania, i nomi dei senatori e deputati eletti nei collegi plurinominali

Arriva il dato definitivo sul sito Eligendo sulla distribuzione dei seggi anche nei collegi plurinominali. In Campania 1 il...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria