A GIUGLIANO LA GRANDE BOX NAZIONALE
Pugilato: 53 giovani si contendono gli scudetti

<b>GIUGLIANO</b>. Appuntamento con la box


GIUGLIANO. Un paio di calzoncini, due guantoni e…la passione di 53 giovani pugili (dei 14 campani, ben 6 sono napoletani) che si contendono il titolo nazionale del Campionato Italiano Cadetti 2005. La grande boxe approda a Giugliano, per poi essere seguita da tutt’Italia sul canale satellitare di “Sport Rai”, con una due giorni di incontri che si svolgeranno sabato 15 e domenica 16 ottobre sul grande ring allestito nella palestra del secondo circolo didattico, in via Quintiliano. L’evento è stato presentato in piazza Gramsci, nello Chalet 5 stelle, dagli organizzatori, alla presenza di una rappresentativa di atleti, e del Comune, che patrocina l’evento. “Una volta tanto Giugliano- ha detto l’assessore comunale allo sport, Tommaso Gabriele- è alla ribalta non per un episodio riguardante l’immondizia o la criminalità organizzata, ma per qualcosa di positivo. Eventi come questo possono servire ad incanalare l’aggressività dei giovani, portandoli verso il lato più puro dello sport dilettantistico”. La rappresentanza campana è molto folta: 14 atleti. Tra questi dei 6 della provincia, la metà sono giuglianese e si allenano con il maestro Salvatore Pizzo dell’associazione Pugilistica Giugliano: Gianluca Galli, Francesco Panico e Salvatore Migliaccio, qualificatisi alle selezioni interregionali di San Prisco. “Sono tanti i ragazzi- ha detto il maestro Salvatore Pizzo- che si stanno facendo valere in ambito nazionale. Per tutti la speranza è fare il pieno di medaglie”. Da un campione di razza l’augurio ai giovani atleti in gara. “Non è detto che tra questi ragazzi non ci sia qualche futuro rappresentante della nazionale alle Olimpiadi”, ha detto l’ex campione mondiale Angelo Musone, medaglia di bronzo proprio ai giochi Olimpici del 1984, che è entrato anche nel dettaglio tecnico degli incontri. I giovani (classe ’88-’89) si scontreranno sulla distanza delle tre riprese di due minuti ciascuna. Alla prova i cadetti che hanno superato le prove interregionali, selezionati tra i 167 atleti dell’under 17 dei gironi centro nord- più isole e centro sud. Di questi, la quota più consistente arrivava dalla Campania, con 32 rappresentanti (28 i laziali, 18 i siciliani e 13 dell’Emilia Romagna). In gara 13 diverse categorie di peso; in calendario 23 matches di sabato, 13 di domenica. Un grande evento quello promosso dall’associazione sportiva Pugilistica Giugliano, col patrocinio della Federazione pugilistica italiana, di Regione, Provincia e Comune di Giugliano. Una manifestazione che coniuga sport e spettacolo con una madrina d’eccezione, il cui nome è ancora top secret, ma, assicurano gli organizzatori, accenderà il cuore degli sportivi.
Un motivo in più per seguire le finali di Giugliano. La boxe, infatti, è uno sport molto amato perché è un mix di passione e sudore, di fatica e di impegno. A testimoniarlo arriveranno in città: Valerio Nati e Maurizio Stecca, ex campioni, e membri staff tecnico della nazionale. Poi l’ex campione del mondo Angelo Musone, il presidente della Fpi, Franco Falcinelli. Gli atleti alloggeranno all’Hotel Giulia, sulla circumvallazione esterna. Nell’organizzazione: l’associazione Pugilistica Giugliano, AbbìAbbè edizioni, TeleclubItalia. Partners: Promo & Fashion, Masagel, Radio Crc, Publivision agency.

Campionati cadetti con sei partenopei. Tre i giuglianesi.

Sei pugili napoletani si sono qualificati per le finali nazionali dei tricolori cadetti alle selezioni interregionali svoltesi a San Prisco. I sei promossi sono Nicola Cipolletta (50 kg) della Leone Fazio, Antonio Albino (57 kg) della Vesuviana, Diego Rispoli (70 kg) della Todisco Marianella.
Gianluca Galli (80 kg), Francesco Panico e Salvatore Migliaccio (+96 kg) sono i campioni dell’associazione Pugilistica Giugliano, diretta dal maestro Salvatore Pizzo.



TL – COMUNICATO STAMPA