28.7 C
Napoli
mercoledì, Maggio 18, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

GIUGLIANO, BRUNO ARPAIA SI AGGIUDICA IL PREMIO LETTERARIO «MINERVA»


Tocca a Bruno Arpaia con il suo “Il passato davanti a noi”, il podio della prima edizione del premio letterario Minerva organizzato dall’omonima associazione giuglianese. 3000 euro ed i complimenti della giuria tecnica composta da nomi di spicco nel panorama della letteratura contemporanea, il premio che si è aggiudicato il vincitore. Si sono divisi invece i rimanenti 3000 euro gli altri due finalisti della terna: Giovanni Accardo e Angelo Ferracuti, rispettivamente classificatisi al secondo e terzo posto con i loro “Un anno di corsa” e “Le risorse umane”. A premiare i vincitori mercoledì scorso presso la fascinosa sede dell’ IISE di Palazzo Palumbo, una prestigiosa giuria tecnica. Suspance, eccitazione ed entusiasmo, non hanno disatteso le speranze degli organizzatori, ed il bellissimo salone affrescato era stracolmo di spettatori vogliosi di conoscere i vincitori, il cui successo è stato siglato dall’imprimatur dato alla prima edizione di una straordinaria iniziativa, dai noti Francesco Costa, Diego De Silva, Antonio Pascale, Francesco Piccolo, Generoso Picone, Domenico Starnone, coloro cioè, che hanno estratto dalle centinaia di volumi che hanno partecipato al concorso, la terna più ammaliante. E’ stata la presidentessa dell’Associazione, Bianca Guadalupi, visibilmente emozionata, a spiegare che l’idea di istituire un premio letterario impreziosito dalla collaborazione di grandi artisti della penna, è nata dalla voglia di riscattare la letteratura stessa, dal suo carattere anacronistico di arte liberale, perchè divenisse, attraverso l’estro di dilettanti ma appassionati osservatori della realtà, una perfetta simbiosi tra cultura, politica e analisi sociale. Ecco perché “letteratura dell’impegno”. “Perché è un atto di coraggio sostenere simili iniziativa e accettare che l’occhio critico di cittadini/scrittori renda la letteratura stessa, strumento di analisi sociale – ha affermato il sindaco Francesco Tagliatatela che prometteva – alla luce del grande successo di questa prima edizione, è nostra intenzione fare di questo premio, un’iniziativa permanente tesa ad estendersi oltre la cinta urbana e ad abbracciare l’intero comprensorio, assetato di cultura e critica letteraria”. Ma, l’attenzione della platea, era sicuramente rivolta alla giuria che ha saputo far precedere al momento della premiazione, quello della disquisizione. “E’ mia convinzione che i grandi eventi non passano attraverso le emozioni, ma siano le piccole emozioni a descrivere i grandi eventi. Solo chi è in grado di rivolgersi ai propri lettori trasmettendogli anche le più piccole sensazioni nutrite da chi muove la penna sul foglio, merita encomio. E’ questo il criterio che ho posto alla base della valutazione delle opere finaliste” – ha spiegato il noto scrittore. Un’opera, quella vincitrice, che ha incontrato il plauso della giuria e dei critici presenti, che ha mostrato di saper diluire le emozioni in maniera disimpegnata, pur proponendo temi di grande impegno letterario. “Il passato davanti a noi”, una storia di ragazzi e ragazze che crescono negli anni Settanta in un paesino del Sud, ha il timbro forte, spericolato e consapevole, di chi non può più tacere. “Perché quel ‘noi’ è rimasto, scava, lascia in giro detriti e sedimenti”. Perché quel passato che mai è definitivamente alle nostre spalle, sembra aver già messo a battezzo un genere letterario inedito, quello di chi osserva e scruta con la penna le sensazioni, i drammi, le emozioni di un presente nel quale si annichilisce la speranza di un futuro, trovano nuova linfa i colori, i sapori, le paure di un passato del quale saremo eterni ed innegabili figli. A chi ha saputo immortalare nelle pagine edite da Guanda edizioni un sentimento collettivo, un premio il cui valore è amplificato perché passa dalle mani di una rispettabilissima giuria, e di un’intera città grata al suo nuovo artista, di averne rappresentato l’impegno, foss’anche per il breve momento di un successo che sembra già destinato a ripetersi nella prossima stagione letteraria, “magari in un periodo meno caldo dell’anno”, parola della Guadalupi.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Obbligo vaccinale per gli over 50: inviate 1,2 milioni di multe ai No Vax

È in arrivo la seconda tranche di multe indirizzate agli over 50 non vaccinati con il siero anti-Covid. Altre 600mila...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria