Non c’è pace neanche dopo la morte per il piccolo Alessandro, rubati i fuori posti sulla tomba dalla sorellina

Quando al dolore si aggiunge anche la rabbia, diventa davvero difficile trovare le parole per descrivere cosa stanno provando i genitori di Alessandro. Dopo il dolore per aver perso il proprio bimbo di due anni morto lo scorso anno per una malattia gravissima, è arrivata un’altra delusione.

Il piccolo – irporta il sito internet leggilo.org – riposa al cimitero Biliemme di Vercelli e quasi ogni giorno la mamma Melissa Paganelli e il papà Stefano Aleo portano in dono al bimbo defunto dei fiori che però, dopo poco, vengono rubati dal teppista di turno. La donna ha lasciato un biglietto sulla tomba del piccolo Ale“Vergogna. Come ti senti a rubare i fiori a un bambino morto a soli due anni? E se fosse tuo figlio?”

L’ultima volta, in particolare, era stata la sorellina di cinque anni a voler lasciare sulla tomba del fratellino una composizione di fiori: “I fiori erano tutti colorati. Era una composizione che esprimeva la gioia, seppur nel dolore, di una bambina di 5 anni”. La famiglia è ancora scossa per la tragica morte del piccolo. “Lo abbiamo fatto perché si deve solo vergognare, già siamo in una situazione difficile. Manca solo questo”, dice la donna che non si da pace dell’assurdità del gesto. “Un gesto dettato dal cuore. La sorellina di Alessandro porta al fratello, ogni settimana, qualcosa sulla sua tomba”. 

La mamma spera che il ladro legga il messaggio e possa restituire la composizione portata ad Alessandro: “Spero anche qualcuno lo veda. Lui o lei, chiunque sia. Magari avrà anche un figlio e si deve rendere conto del male che ha fatto. Si deve vergognare e non farlo mai più”.