Aumento contagi, De Luca tira le orecchie ai Comuni ma i sindaci non ci stanno: “Diffusione del virus per il caso dell’ospedale S.M. delle Grazie”

Non ci stanno i sindaci di Bacoli e Pozzuoli dopo che il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca, li aveva tirati in ballo insieme ad altri comuni sull’aumento di casi di contagi familiari. In verità il comune diretto dal sindaco Josi della Ragione non era stato citato ieri da De Luca, ma il primo cittadino ha tenuto a ribadire le cause sull’aumento dei contagi in città: “Ma davvero qualcuno crede (o, peggio ancora, vuole farci credere) che gli aumenti esponenziali di casi positivi al Coronavirus nei Campi Flegrei, avvenuti negli ultimi giorni, siano dovuti a “contagi familiari”, “atteggiamenti scorretti” o a “comportamenti poco responsabili avuti da parte di gruppi di cittadini”? Voglio essere molto chiaro. Qui da noi “la diffusione dell’epidemia” è causata unicamente dalla grave problematica che si sta verificando presso l’ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli. E mi fermo qui. Punto. Perché oggi il nostro unico obiettivo è quello di adottare, e far adottare, tutte le misure necessarie utili a scongiurare il peggio. Oggi. Domani, dopo aver vinto questa guerra, capiremo le responsabilità. Ho profondo rispetto istituzionale per tutti. Ma ciò deve avvenire reciprocamente. Perché qui nessuno ha l’anello al naso. Nessuno. La situazione è molto seria, molto critica. Bisogna intervenire con immediatezza, con atti concreti. Subito”.

Ha chiarito la vicenda anche Vincenzo Figliolia, sindaco di Pozzuoli: “Voglio complimentarmi con i miei concittadini per il comportamento esemplare assunto durante questi quaranta giorni di emergenza. L’aumento dei casi che sta avvenendo nella nostra città è da ricercare altrove”, ha detto Figliolia in un video nel quale ha spiegato cosa è successo all’ospedale Santa maria Delle Grazie. “Continuiamo il nostro distanziamento sociale. Restiamo a casa e tutto andrà bene!
Orgoglioso di voi e di tutta la città!”