17.9 C
Napoli
lunedì, Aprile 15, 2024
PUBBLICITÀ

Beve acqua dal rubinetto di casa, ucciso dall’ameba ‘mangia cervello’

PUBBLICITÀ

Torna il terrore per l’ameba “mangia cervello”. E’ in corso un’indagine epidemiologica per capire le circostanze specifiche dell’infezione di uomo.

Uomo muore dopo essere stato infettato dall’ameba mangia-cervello

Avviene nella contea di Charlotte, costa sud-occidentale della Florida: un uomo muore dopo essere stato infettato dall’ameba “mangia-cervello”, ovvero “Naegleria fowleri”. 

PUBBLICITÀ

Dopo i casi registrati l’estate scorsa, torna il terrore per l’ameba mangia-cervello. Stando alla nota diffusa dal Dipartimento della Salute, un uomo ha contratto la “Naegleria fowleri” “probabilmente a seguito di pratiche di risciacquo dei seni nasali con acqua di rubinetto”. E sempre nella nota si legge che “è in corso un’indagine epidemiologica per capire le circostanze specifiche dell’infezione”. Non si conoscono le generalità della vittima.

L’infezione non sembrerebbe essere contagiosa, ma è sicuramente fatale. Secondo dati forniti dal Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc), solo cinque persone sono sopravvissute dal 1962 al 2021.

Negli Usa sono state recentemente registrate le morti di un adolescente in Florida, di un uomo in Iowa e di un bambino in Nebraska. La raccomandazione del Dipartimento è sempre quella di bollire l’acqua del rubinetto prima di usarla, per esempio per dei risciacqui nasali, dopo averla fatta raffreddare.

Naegleria fowleri, cos’è?

Naegleria fowleri è un protista, in una delle sue fasi esteriormente affine a un’ameba, che vive in acqua dolce a temperature variabili, incistandosi sotto i 10 ºC e sviluppandosi al meglio in acque tiepide fino a 42 °C. Si tratta di un organismo a vita libera che occasionalmente può parassitare i vertebrati, principalmente mammiferi, ed è soprannominato “ameba mangia-cervello”.

Nell’uomo un’infezione da N. fowleri può causare una malattia estremamente grave e in altissima percentuale letale: la meningoencefalite amebica primaria (PAM o PAME), che colpisce il sistema nervoso centrale. La malattia ha un andamento rapido, che se non diagnosticata e curata celermente conduce alla morte nell’arco di una settimana.

 

PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

A 120 km/h a via Marina o con l’auto sul marciapiede per saltare il traffico: le follie dei pirati della strada a Napoli

Due video che immortalano altrettanti pirati della strada in azione sono stati inviati al deputato di Alleanza Verdi Sinistra...

Nella stessa categoria