Biglietti dei concerti a prezzi alti, multati 3 siti di vendita online

concerti biglietti bagarinaggio
Prezzi alti per i biglietti dei concerti di Vasco, Eros e Jovanotti: multati 3 siti per bagarinaggio

Vendevano biglietti per i concerti a prezzi alti, 3 siti multati per oltre 5 milioni di euro. L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha concluso le proprie attività istruttorie relative al contrasto del bagarinaggio online, sanzionando i tre principali siti di rivendita di biglietti di eventi e concerti Viagogo, Stubhub e Mywayticket. In totale la sanzione è di 5.580.000 euro. Diffidando allo stesso tempo tali piattaforme dal porre in essere ulteriori comportamenti in violazione delle disposizioni di legge.

L’Autorità ha verificato, e di conseguenza sanzionato, Viagogo, Stubhub e Mywayticket per la violazione dell’art. 1, comma 545, della legge 11 dicembre 2016, n. 232. Le tre società hanno infatti messo in vendita sui siti web www.viagogo.it; www.stubhub.it e www.mywayticket.it, biglietti per spettacoli e concerti ad un prezzo superiore al prezzo nominale.

Tale pratica, in violazione della normativa, ha anche l’effetto di inflazionare i prezzi dei biglietti e di creare scarsità artificiale di titoli di accesso agli spettacoli a danno degli
utenti e della comunità degli artisti, degli organizzatori di eventi e dei rivenditori primari.

PREZZI NON CONSENTITI PER I CONCERTI

Tra gli eventi per i quali sono stati venduti biglietti a prezzi non consentiti vi sono i concerti di Vasco Rossi, Ennio Morricone, Jovanotti, Eros Ramazzotti, Elton John, Jack Savoretti, Def Leppard, Elisa, Laura Pausini e Biagio Antonacci, The Giornalisti, e gli spettacoli di Maurizio Battista.

Tutti gli eventi interessati dalle violazioni si sono svolti tra marzo e settembre 2019.
Dagli atti del procedimento è emerso che le società avevano piena consapevolezza di ciò che veniva venduto/acquistato sui propri canali, palesemente in violazione della normativa in materia.

In particolare, è stato dimostrato come queste, attraverso le proprie piattaforme online.  Non si limitavano a connettere i potenziali venditori e acquirenti al solo fine di facilitare le transazioni economiche, al pari di una semplice e neutrale bacheca virtuale per la messa in vendita di singoli biglietti. Ma avevano come obiettivo la promozione di eventi, con la finalità di massimizzare il numero e il prezzo dei biglietti venduti, ponendosi così anche in
concorrenza con i venditori nel mercato primario e con gli organizzatori di eventi.

LE INDAGINI OLTRE AI CONCERTI

Gli operatori sanzionati hanno tutti sede in paesi fuori dall’Unione Euripea. Recentemente Viagogo ha acquisito StubHub al prezzo di 4 miliardi di dollari “in cash”. Al fine di creare un player di presenza globale sul mercato con un giro d’affari consolidato di 15 miliardi di dollari nel 2020.

Al termine dell’attività istruttoria, svolta anche con l’ausilio della Guardia di finanza e della Polizia Postale ed avviata a seguito di numerose segnalazioni ricevute da operatori ed associazioni del settore, sanzionato Viagogo per euro 3.700.000, Stubhub per euro 1.750.000 e Mywayticket per euro 130.000.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.